L’affaire Scajola s’ingrossa

Se Scajola è stato sincero nel suo discorso di commiato dal ministero, l’affaire è più grosso di quello che poteva sembrare.
Io sarei anche propenso a credergli in parte, ma questo non depone molto a suo favore.
E’ giusto, come è stato detto, che se l’ex-ministro era convinto di aver fatto il più bell’affare della sua vita acquistando quel “mezzanino” – come pare lui chiami l’appartamento di circa 200 mq vista Colosseo – che si sia dimesso dal ministero, e sarebbe anche giusto che una persona così “ingenua” non fosse messa a capo di altri ministeri per tutta la durata della sua vita. Se un grande affare così viene offerto a te, che sei un ministro, e tu non ci trovi niente di strano o sei stupido – come è stato più o meno detto ad Annozero da gente non di parte – o devi domandarti il perchè è ancora disponibile e perchè, quindi, non sia stato offerto a qualche altro comune cittadino che avesse avuto la possibilità di acquistarlo. Sembra impossibile non arrivare a pensare che comunque, ammesso che il prezzo fosse stato davvero quello richiestogli, c’era sotto un favoritismo. Ma i favoritismi rientrano nel vocabolario della mafia, in tante forme, magari sotto forma di un semplice scambio di favori: “.. A quel ministro gli feci un favore che adesso non potrà mai dirmi di no.. aaa..”.
Mi dispiace per lui perchè da come ha parlato parrebbe proprio avere abboccato all’amo messogli davanti da qualcuno.
“Non capisco chi e perchè possa avere pagato il mio appartamento al posto mio e in cambio di quale eventuale richiesta futura..”
Ma se ha abboccato così ingenuamente davvero non merita ministeri e, peggio, non merita niente, in una società giusta come quella che vogliamo.
Certo, può esserci sotto il complotto. Probabile, visto che sembra emergere che questi regali nascosti siano una pratica diffusa, soprattutto da parte di quel certo signor Anemone.
Ma anche il complotto toglierebbe poco alla responsabilità dell’ex-ministro. Anche se fosse un complotto per danneggiare il governo.
Insomma, l’affaire s’ingrossa.. e spero ancora in un improbabile finale a sorpresa nel quale possa venire fuori qualcosa che lo possa salvare sia dalla stupidità, che dall’aver agito in malafede, ma..

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a L’affaire Scajola s’ingrossa

  1. Massimo scrive:

    In ogni caso, per me, ha sbagliato a dimetersi prima di una sentenza di condana definitiva (e non è ancora infdagato !) .

  2. Le Barricate scrive:

    . Resosi conto dell’inghippo ci voleva un bel coragio a restare al suo posto 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*