Yara, vado contro corrente.

Dopo avere vissuto quotidianamente, per mesi, la vicenda della piccola Sarah e mentre le indagini parrebbero non risolvere i nodi del delitto a causa delle dichiarazioni contrastanti dei due coimputati e di, a mio avviso, troppi errori che si stanno compiendo da parte degli inquirenti, che paiono muoversi soltanto dopo aver ascoltato in tv i suggerimenti caotici dei vari “esperti” compresa la Palombelli che non manca mai quando si parla di delitti mostruosi. Dopo aver assistito anche a vergognose battaglie inconfessabili tra avvocati per accapparrarsi la maggior parte di primi piani in tv, mi sento comunque di suggerire ai genitori di Yara, la ragazza di Brembate scomparsa da qualche giorno, e ai suoi compaesani, di dimostrare la stessa disponibilità nei confronti dei media di quella dimostrata da Concetta, la madre di Sarah, e dai suoi compaesani che hanno accettato l’invasione dei giornalisti.
Questo perchè a dispetto di quanto pensa molta gente, che comunque sta lì a vedere ogni programma che riguarda il caso per poi criticarlo, io penso che la pressione dei media abbia portato Michele, lo zio di Sarah, a confessare l’omicidio della povera nipotina; prima facendo trovare il telefonino e quindi mettendosi all’attenzione degli inquirenti.
La pressione dei media è servita anche per rivelare il comportamento dei componenti della famiglia del Misseri e, anche, a portarli, forse, a compiere dei passi falsi, chi per vanità, come Sabrina, chi, come per Cosima e Valentina, per influenzare l’opinione pubblica e quindi gli inquirenti.. a torto o a ragione.
Direi che dobbiamo abituarci ad assistere al fenomeno dei media che aiutano nelle indagini, non foss’altro perchè servono a stare col fiato sul collo di chiunque ceda alla vanità di apparire sui giornali o alla tele..
.. E la vanità, spesso, è cattiva consigliera..
Detto questo, spero che la scomparsa della piccola Yara non si risolva con un mistero irrisolto come altri tantissimi casi, purtroppo, a partire dalla piccola Angela Celentano.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Una risposta a Yara, vado contro corrente.

  1. sabry scrive:

    il tuo non e’ un comento ma un dato di fatto:michele miseri da calimero ignorante e sporco,viene bien bien lucidato e mangiando canelloni al forno,in galera,l’hano fatto tornare a nuovo!inon pane e acqua ma coccole,coccole anche fuori,da parte della stampa che a titolo gratuito gli fa mimare,col kit di corde,l’omicidio della povera sarah,per non parlare dei vari parolisi con camice firmate por esere imbellettato nel caso ci fose qualche giornalista carina,anche il fratello di melania che sofre,esibisce tatuagio(a distanza di pochi mesi dalla morte della sorella,fatto in suo onore),sabrina prima con le codete poi col piercing,e mi chiedo dov’e’ il dolore?dimostrarlo non si usa piu’?bisogna nasconderlo e mostrare cos ava di moda ?i genit di yara sn stati y piu’ composti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*