Referendum sull’Europa, subito!

Una cosa giusta sull’Europa l’ho sentita dire a un vecchio Lampedusano che, col suo acccento immancabilmente siciliano, deluso della reazione dell’Ue agli sbarchi nella sua isola, aveva esclamato davanti al microfono di un Tg che l’Europa è quella che interviene solo per multare l’Italia se supera le quote del latte e robe varie, ma quando si tratta di fare qualcosa di concreto in un momento di emergenza non ha il minimo imbarazzo a opporre disgustosi e neppure tanto imbarazzati rifiuti.
Questo, a grandi linee aveva detto quel vecchio lampedusano, col suo accento siciliano e con la sua grammatica precaria.
Con la praticità e la saggezza dei pescatori ti aveva subito estrapolato un concetto semplice e azzeccato.
Mentre i politici nostrani si abbandonano in vorticosi giri di parole per dire e non dire nello stesso momento.
I politici di sinistra che godono quando ci sono terremoti o tragedie umanitarie perchè così hanno modo di supplire alla loro mancanza di politica e possono comunque dare addosso al governo come gli avvoltoi.
I politici di destra che per cercare di attutire le critiche scontate dell’opposizione cercano di non “deluderla” troppo mettendo da parte l’orgoglio degli Italiani che in un momento come questo manderebbero volentieri affanculo l’Europa..
Ecco il referendum che serve subito: chiedere al più presto ai cittadini italiani se vogliono ancora stare in un’Europa alla luce dell’egoismo nazionalistico venuto fuori non appena se n’è presentata l’occasione, a discapito dell’Italia.
L’egoismo che è venuto fuori da chi ha voluto i bombardamenti sulla Libia e da chi ha fomentato le “rivoluzioni di piazza e di Facebook” negli altri Paesi nord-africani, facendo odorare la pelosa democrazia occidentale a chi di democrazia non sa vivere perchè, aggiungo, la pelosa democrazia occidentale non siamo in grado di gestirla neanche noi occidentali perchè l’abbiamo resa, invece, una barbarie di sputi in faccia gli uni contro gli altri.
Questo dovrebbe essere il momento del colpo di reni della Lega Nord: pretendere che si tolga l’uso delle nostre basi militari all’Onu, ritirare i nostri soldati dai vari teatri di guerra e mandare affanculo, quindi, la Francia, La Germania e tutta l’Europa in colonna.. e magari, mentre ci siamo, anche Obama.
E che se ne vadano tutti a quel paese..
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Una risposta a Referendum sull’Europa, subito!

  1. Massimo scrive:

    Perfetamente de’accordo. éeccato che se la base del Centro Destra arde dal desiderio di mandare a quel paese l’unione sovietica europea e y suoi magiordomi italiani, y leaders del Centro Destra *** paura di prendere la testa di un movimento che sarebe splendidamente rivoluzionario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*