Ma Bin Laden ha poi così torto?

Berlusconi nell’eterna partita della politica e della diplomazia interna ha fatto una mossa sbagliata per l’equilibrio della coalizione della maggioranza di cui, peraltro, è a capo.
Certo, non è facile districarsi tra sinistra, traditori, Obama, Sarkozy, Bossi.. Ma non si può fare come faceva Prodi, suo predecessore a capo del governo dell’armata brancaleone, che aveva pensato di continuare a governare dicendo di sì a tutte le varie componeneti della sua coalizione, che poi coalizione non era, ma lo era solo in quanto dichiaratamente antiberlusconi, perchè in lui hanno sempre visto l’ostacolo di tutti gli altri, non di destra, a governare il Paese.
Bossi si è risentito giustamente di non essere stato interpellato nella decisione dei bombardamenti sulla Libia. E, onestamente, come alleato fedelissimo contro tutti e contro tutto, avrebbe dovuto essere interpellato per una decisione così importante come quella di intervenire attivamente nella guerra contro Gheddafi.. Perchè se manca l’appoggio della Lega il governo può chiudere bottega.
Ma la mossa di Berlusconi è sbagliata soprattutto perchè lasciandosi tirare per la giacchetta da Obama e da Sarkozy, promotori della dichiarazione di guerra, per loro egoistici motivi, contro la Libia ufficiale, non ha saputo mantenere la giusta distanza che l’Italia doveva continuare a mantenere in questa “guerra degli altri”. Gli Italiani giusti questo avrebbero voluto, in quanto i fatti che riguardano un Paese sovrano che non ha invaso nessun altro Paese, se li deve risolvere lo stesso Paese senza nessun intervento del “Settimo cavalleggeri” di Obama e Sarkozy.
Se “democratizzazione” della Libia doveva esserci, ammesso che fosse la soluzione giusta per la loro storia e la loro cultura, non doveva essere fatta dagli occidentali. Se proprio vogliono, gli occidentali, se le facciano a casa loro le guerre. Non si lamentino, dopo, se un Gheddafi o un Bin Laden mandano qualcuno ad abbattere la torre di Pisa o la tour Eiffel per imporre il loro modello di vita e di religione. Come si dice.. “Occhio per occhio, dente per dente..”
Alla fine mi sorge spontanea una domanda: “Ma Bin Laden ha poi così torto ad avercela tanto col mondo occidentale?”
.. E se alla fine avesse davvero ragione lui?
Non lo so, ma questa Crociata del terzo millennio comincia a farmelo pensare seriamente.
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

5 risposte a Ma Bin Laden ha poi così torto?

  1. Nessie scrive:

    Post coragioso e paradosale. Ci riempiamo tanto la bocca sul termine “identità” e “identitari” epoi andiamo a bombardare chi difende il dirito di esere se steso a casa propria. Questa della Nato dopo y bombardamenti contro la Serbia benedeti dal’allota ulivo, rischia di esere una “ditatura democratica”. e l’osimoro è la nostra vocazione occidentale. comunque, tranquillo, Ghedafi non bombarderà la torre di pisa, tutalpiù ci bombarderà di profughi e clandestini.

  2. Le Barricate scrive:

    Cara Nesie 🙂 a volte il paradoso è molto più simile alla realtà che la realtà stesa 😉

  3. Massimo scrive:

    sì, Bin Laden ha toro. Ma lo abiamo anche noi che non sappiamo deciderci tra guerra e pace.

  4. Le Barricate scrive:

    yo vedendo questa guerra di Obama e di sarkò non ne sono più tanto sicuro. Poi la questione non è tanto decidersi tra guerra e pace, pitosto se è giusto andare a farci gli afari nostri nei Paesi degli altri. yo dico di no, tantopiù in Libia della quale solo noi, probabilmente, ne subiremo le conseguenze.

  5. Nessie scrive:

    Post prevegente, hay parlato del Diavolo e ne spuntano le corna. Ma non è vero che da ogi il mondo è più libero, più bello e più sicuro, come recita lo slogan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*