Zarina per diritti ereditari

Ieri avevo scritto dell’anomalia e dell’offesa alla democrazia costituita da un Tg dichiaratamente comunista nel servizio pubblico, senza che ancora avessi avuto sentore della bufera che pare stia venendo fuori proprio in queste ore proprio sulla conduzione del Tg3.
Penso di avere delle doti divinatorie in quanto giorni fa avevo ripescato Bin Laden dal dimenticatoio e il giorno dopo lo stesso è stato ammazzato dagli Usa.
Ieri ho parlato del Tg3 e subito scopro che la direttorissima Bianca Berlinguer è sotto accusa da parte di alcuni giornalisti dello stesso Tg per il modo in cui dirige la testata.
Non vinco mai al superenalotto, ma vabbè, come a un certo punto disse San Gennaro a quello che che ogni settimana andava da lui a pregarlo per fargli vincere la lotteria perchè: “San Genna’, tengo famiglia..”, il santo che non ne poteva più rispose: “.. Io ti facisse vincere a lotteria, ma tu accattalo o’ biglietto!”
Si parla di cazziatoni, di trasferimenti, di promozioni, demansionamenti, attriti e anche di sputi in faccia, pare, voluti da questa signora – il cui “merito giornalistico” è solo quello di avere per cognome Berlinguer – senza che questa, in pratica abbia l’autorità per potere fare tutto questo.
Sembra che molti addirittura siano stati da lei promossi e poi messi definitivamente da parte. Si parla di nomi di vecchi giornalisti conosciuti trasferiti ad altre mansioni..
Insomma si parla di una zarina che pretende il regista che vuole lei durante le sue trasmissioni che, oltre al telegiornale, vuole condurre personalmente.
Si parla anche di tensioni nelle trasmissioni e del fatto che un Bersani, al sollecito perentorio della zarina di rispondere SI o NO ad una sua domanda, nel fuori onda le avrebbe risposto incacchiato: “Oh! SI o NO lo dici a tua sorella!”
Parrebbe anche che molti dipendenti e giornalisti della testata abbiano chiesto il trasferimento ad altri canali della Rai, ma che non possano essere esauditi in questo loro desiderio perchè pare ci sia la coda ad aspettare..
Ci si riempie tanto la bocca parlando e sparlando di raccomandazioni e di posti piovuti dal cielo per gente che non ne sarebbe degna e che ruberebbe il posto a chi invece se lo merita, ma dei posti elargiti dalla Rai ai figli dei politici di sinistra non se ne parla mai, perlomeno non se n’era parlato.
Fin’ora.
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Una risposta a Zarina per diritti ereditari

  1. Massimo scrive:

    y comunisti perdono il pelo, ma non il vizio. Che stiano al tg3 o al quirinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*