Verso una nuova Età della Pietra

Ormai, lo sappiamo, in molte scuole si permette agli alunni di fare i conti e le varie operazioni aritmetiche con le calcolatrici tascabili.
Ma questo è un sistema diseducativo perchè disincentiva l’uso del cervello sia pur per fare una semplice addizione o divisione.
Insomma, i giovani di oggi, forse, saranno in gamba ad usare cellulari, computer, tascabili e non, e tutta la roba di questo genere, ma non saranno in grado di fare due più due senza la loro calcolatrice tascabile.
E’ di ieri la notizia che nello stato dell’Indiana, negli Usa, il provveditorato agli studi ha approvato la proposta di abbandonare la penna per l’utilizzo scolastico e di adottare l’uso del computer. I temi non si scriveranno più con la solita penna, ma si scriveranno direttamente al computer, così come tutti gli altri compiti.
Sembrerebbe l’inizio della fine della calligrafia, della bella scrittura, della personalizzazione degli scritti.
Devo dire che io sono anni e anni che non scrivo più una lettera a mano, quindi non dovrei scandalizzarmi molto, ma la notizia mi lascia l’amaro in bocca e un vuoto allo stomaco.
Se per pura ipotesi fantascientifica, un giorno, tutti i computer facessero uno sciopero, oppure (ipotesi, questa, non fantascientifica) si fosse costretti a rimanere senza energia per via dello scoppio di qualche centrale nucleare, la gente non saprebbe più nè far di conto, nè scrivere a mano.. Insomma ci ritroveremmo in una nuova Età della Pietra senza nessuno che possa tramandare le conoscenze acquisite fino a quest’epoca.
Una brutta prospettiva che pare non sfiorare il cervelloni di chi le pensa tutte pur di demandare le proprie capacità intellettive alle macchine, sia pur elettroniche.
No! Molto meglio la penna col suo pennino e il calamaio pieno d’inchiostro che ti costringeva a stare anche attento a non macchiare il foglio, educandoti anche all’ordine.
Ridatemi il mio calamaio della prima elementare, grazie.
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a Verso una nuova Età della Pietra

  1. Massimo scrive:

    Condivido pienamente. Anche yo scrivo esenzialmente al pc, ma gli appunti nelle riunioni sono di mio pugno (unfatti nesuno riesce a legerli . 🙂 e firmo le letere con una delle mie **** stilografico di cui due sono sempre nel taschino della giacca: una con inchiostro nero e una con inchiostro blu :-d

  2. Le Barricate scrive:

    Pericolosisimo tenere le **** stilografiche nel taschino della giacca 🙂

  3. silvio scrive:

    anch’io scrivo tutto al computer ma le piccole addizioni sottrazioni e divisioni una cifra me le faccio mano.
    Bene far ancora imparare ai bambini tabelline
    Ricordo quando ero in terza media dovevo fare un problema su più solidi geometrici
    stazionavo a lungo su una radice quadrata in questo caso si usare la calcolatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*