Ancora su Parolisi

In questi giorni non mi va di scrivere di politica perchè il periodo è troppo incasinato, con la Lega sempre più volubile e volatile.
Allora mi rifugio nella cronaca.. e lì i colpi di scena non mancano.
A cominciare dall’arresto di Salvatore Parolisi, come già ho scritto ieri, il quale pare avere fatto di tutto per farsi incriminare.
Io non so se è stato lui ad uccidere la povera Melania, ma il suo comportamento sembrerebbe studiato per far sì che tutti gli indizi portino a lui.
Oggi sono stati pubblicati i messaggi che si scambiava su Facebook con la sua ultima conquista.
Ulteriori elementi a favore di chi lo ritiene colpevole.
Ma io dico, come si fa a scrivere certe cose su Facebook, cose che chiunque leggendole è portato a pensare che l’assassino della moglie sia proprio lui?
Il tipo, se non è un assassino – cosa che continuo a credere fino a prova contraria – è senza dubbio un deficiente anche molto ignorante.
– Una volta telefona alla moglie utilizzando la scheda telefonica acquistata per comunicare con la sua ultima conquista.
– Agli inquirenti nasconde tutte le storie extraconiugali.
– Organizza pranzi di Pasqua con l’amante e i genitori di questa parlandone su Facebook, dicendo che ormai è alla fine del rapporto con la moglie e in un modo o nell’altro è deciso a finire il rapporto che lo vede anche padre di una bambina.
– Si fa vedere mentre lascia su un prato il telefonino (che avvolge in una busta di plastica) che utilizzava con l’amante.
– Invece di partecipare alle ricerche della moglie scomparsa si affretta a cercare di cancellare tutti i messaggi compromettenti scambiati su Facebook.
– Dice di aver visto il posto del ritrovamento del cadavere della moglie solo attraverso le fotografie scattate dal cellulare del suo amico, il vicino di casa che invece nega di aver mai scattato foto di quel posto.
Ora, delle due l’una: o è stato davvero lui ad uccidere la moglie o è un cretino patentato.
Io per il momento credo di più alla seconda ipotesi.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Una risposta a Ancora su Parolisi

  1. Lontana scrive:

    Anche yo sto seguendo questa vicenda e, se al’inizio ero convinta che Parolisi fose inocente, adeso lo vedo male, ma mi chiedo:

    e il sangue? quello che ha ucciso doveva esere pieno di sangue. *** trovato tracce di questo sangue su cose di parolisi? seno’ siamo alle solite: indizi e niente prove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*