Era solo una partita di Monopoli, una grande Parmalat..

Io non m’intendo di economia, tantomeno di economia mondiale.
Quello che capisco è solo che tutti i grandi economisti, finanzieri, industriali, politici, manager, etc.. non sono stati capace di gestire seriamente le economie nazionali e mondiali. Insomma sono stati capaci di giocare solo una partita di Monopoli, e l’hanno fatto col nostro culo (quando ce vo’, ce vo’..).
Adesso i responsabili non si dimezzano gli stipendi o i redditi a favore della crisi, ma continuano a prendersi liquidazioni da favola e a strafogarsi di soldi, ma chi paga, e non con soldi virtuali, bensì con soldi veri siamo noi!
Insomma il mondo è stato tutta una grande Parmalat con tutti i sui Tanzi nazionali e mondiali.
Adesso il mondo deve pagare le loro partite a Monopoli, ma deve pagare con soldi veri..
Il finto benessere è finito, il consumismo diventerà un ricordo..
Ritorneremo alle candele e al trasporto su cavalli. Finalmente si parlerà di soldi veri e non di soldi finti.
Il mondo non gioca più.
Prendiamoli a calci tutti questi parassiti falliti!
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a Era solo una partita di Monopoli, una grande Parmalat..

  1. Nessie scrive:

    Qui c’éè bien poco da capire, anche perchè non si tratta di economia reale, ma di carta straccia: la finanza. l’economia reale è stata smantellata a favore dei paesi cosideti “emergenti”. e per il famoso principio dei vasi comunicanti, se il liquido lo prelevi da noi, sarano loro a crescere e noi altri a decrescere. checché ne dica quel travestito della marcegaglia. Inoltre la metafora della grande Parmalat è perfino roba da mamolete,in confronto al’usurocrazia mondiale che ci stano approntando a Wal stret e a bruxelles. e come gli usurai feroci delle asociazioni malavitose, costringono y popoli ad un’eterna schiavitù chiamata debito, per sua natura inestinguibile. debito, che ad ogni manovra speculativa che brucia miliardi, aumenta in modo esponenziale.Perfino Tremonti che non amo, è stato costreto a dire che nel giro di poco, le Borse si sono bruciate gli stesi miliardi che la manovraccia economica avrebe dovuto reperire dalle nostre tasche. Quindi le soluzioni sono due: o continuare a pagare, strapagare e tacere a rischio miseria certa, o uscire dal debito.

    Per farlo occorre dichiarare il “default tecnico”, metere nella palta le banche straniere esposte nel nostro paese, e toglierci dal sistema euro. l’argentina ha fatto qualcosa del genere, e si è tolta dal sistema di riferimento del dollaro. Ma ora está meglio.

  2. Massimo scrive:

    Bella l’imagine del monopoli 🙂 Come farli pagare ? Il conbtrappeso al potere del denaro doveva esere la politica. Ma come fare se la gran parte dei politici non ha una sua profesione, speso è persino un funzionario della politica alla ricerca di una scalata sociale ed economica ? Berlusconi era la persona giusta per contrastare persone che conosceva benisimo: guardo come lo *** e continuano a masacrarlo ! e questi non sono stupidi da tenerci nella miseria in modo da far bollire la rabia. finchè avremo l’acqua calda quando torniamo a casa e la partita di calcio alla domenica, non accadrà mai alcuna rivoluzione. e lo sano benisimo.

  3. Le Barricate scrive:

    ok, va bene! Usciamo dal’euro, che credo sia stato l’inizio della rovina delle nostre tasche, tanto che mentre un appartamento che pagavi 200 milioni, dal giorno dopo lo avresti pagato 200 mila euro, overo il dopio, e gli stipendi sono pasati dai 2 milioni a 1000 euro, overo ce li *** dimezati (rispeto al costo della vita in euro).

    e torniamo anche a vivere coi soldi che abiamo nelle tasche, perchè con y soldi che non vediamo ci posiamo fare solo delle partite a monopoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*