La manovra e il cattivo gusto di Sacconi

Il ministro del lavoro Sacconi ha superato Berlusconi nelle barzellette che sarebbe meglio non raccontare in occasioni ufficiali.

Parlando dell’articolo 8 della manovra (quello dei licenziamenti facili, ovvero eliminazione dell’Art. 18 dello statuto dei lavoratori) e per rispondere alla Cgil sul falso allarme che secondo lui è stato procurato dal sindacato, il ministro, in un’occasione ufficiale, si lancia nel racconto di una barzelletta: “Nel 1600 dei briganti entrarono in un convento di suore e le violentarono tutte meno una. Il Santo Uffizio interroga l’unica suora che non ha subito la violenza chiedendole come mai lei non avesse subito la stessa sorte delle altre, e la suora risponde: “Perchè ho detto no!”.

L’antifona, secondo il ministro, probabilmente, sta nel fatto che si sta strombazzando tanto la faccenda del licenziamento facile, quando, secondo il suo parere illunimato, non sarebbe affatto un licenziamento facile perchè trattasi eventualmente di un licenziamento con l’accordo del sindacato aziendale. Quindi, sempre secondo il suo eccelso parere, basta dire no, come la storia dell’infelice barzelletta e non succede niente.

Evidentemente il minisro del lavoro non conosce la realtà italiana, che non sempre è la realtà delle grandi aziende e dei sindacalisti che vanno in televisione per fare vedere quanto sono bravi.

Mi dispiace anche per te, caro ministro del lavoro, ma a parte il fatto che ci sono occasioni e occasioni per raccontare barzellette, e ci sono soprattutto occasioni e occasioni per raccontare barzellette in cui si parla di stupri e della presunta acquiescenza delle donne a questa barbarie, non avete ancora capito, te e Berlusconi, che uomini pubblici come voi, uomini dello Stato, non possono e non devono incorrere in questo genere di squallide gaffe.

Ma avete la testa dura.

Firmato: uno indubitabilmente di destra (una volta)

Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a La manovra e il cattivo gusto di Sacconi

  1. Massimo scrive:

    Preferisco le barzellete di Berlusconi (che fano anche ridere) di quella di sacconi tropo cerebrale per far anche ridere. Ma non mi scandaliza affatto una simile battuta. Scandalizarsi è il clasico guardare il dito anzichè la Luna . 🙂

  2. Le Barricate scrive:

    Per dito intendi la dignità delle done che subiscono violenze quindi?;)

  3. Filippo scrive:

    sacconi conosce bene la realtà italiana e sa molto bene quello che está facendo, perchè lo está facendo e per chi lo está facendo. lo steso dicasi circa il motivo per cui adeso, approfittando dell’ora o mai più oferto dalla crisi (dalla loro insipienza coadiuvata), está cercando di eliminare (non rivedere le quote) le pensioni di anzianità (lo ha strombazato Bruneta a più riprese, tuto contento).

    Altro che barzellete e suore preda di briganti.

    firmato: uno indubitabilmente non di destra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*