Forse sulla destra ho sbagliato tutto?

Ho sempre pensato che per avere a cuore la sorte dei lavoratori non ci fosse bisogno di essere di sinistra. E rivendico di non esserlo mai stato.
Anzi, ho sempre pensato che mentre per la sinistra essere dalla parte dei più deboli fosse solo uno dei tanti slogan opportunistici che servivano ad accalappiare voti della gente un po’ sempliciotta, per la destra fosse invece una componente del proprio dna.
Ma la crisi economica che è venuta fuori in tutta la sua importanza in questi anni mi costringe a rivedere tutto e anche a pentirmi di non aver contribuito alle battaglie sindacali che ci sono state finora, avendo la convinzione che ognuno deve farsi valere per quello che è. Infatti è quello che ho sempre fatto nella vita sia lavorativa che privata e sociale. Mi sono sempre fatto valer per quello che sono e non per quello che ho voluto far credere che fossi.
Sono stato dipendente, ho lavorato in proprio, insomma non ho avuto una vita lavorativa dal percorso prestabilito. Nel senso: non sono entrato in banca a vent’anni immettendomi di conseguenza in un binario unico che porta alla pensione diritto diritto.
Tutto bene, con alti e bassi, fino a che raggiunta una certa età anagrafica e una grande esperienza di lavoro nel mio campo, non arriva nell’azienda presso la quale ho prestato la mia opera da dipendente per molti anni, un marchioncino.
Uno che se ne sbatte dei sindacati, che tra l’altro si fanno sbattere senza protestare perchè non aspirano ad andare in televisione per fare vedere quanto sono, meglio, sarebbero bravi.
Se ne sbatte di me, dei miei colleghi anziani (che gli costiamo il doppio di un ragazzo inesperto e il triplo di un cococo) e inizia un classico e squallido mobbing che ci porta a dover accettare un “accordo obbligato” di prepensionamento forzato che non prevede slittamenti di eventuali manovre finanziarie che decidano di punto in bianco di cambiare le carte in tavola – pena il licenziamento.
Ebbene sì! A causa della situazione creata dalla casa madre, che gestisce il territorio attraverso piccole imprese private piuttosto che gestirlo direttamente, il marchioncino può farlo. Anche senza l’aiuto dell’abrogazione dell’art. 18, che già non era valido per le aziende che non superano i dieci dipendenti; e lui, appena arrivato, si era affrettato a portare il numero dei dipendenti giusto appena a dieci, utilizzando, per lavori impiegatizi, ragazzi cococo, cocodè o come si chiamino, che per lavorare sono costretti a pretendere zero e a tenere la testa bassa, sempre.
Cosa vedo, adesso… Vedo che questi comportamenti sono considerati leciti dalla destra in cui ho sempre creduto.
Vedo che la destra considera le situazioni che ho appena descritte, che sono molte nella realtà italiana, auspicabili d’ora in poi, e che siano da considerare un male minore necessario per salvare l’Italia.
Vedo che la destra, a difesa delle imprese, abroga l’articolo 18 agevolando quindi il licenziamento facile, ovvero il licenziamento senza giusta causa, checchè ne dica il ministro di destra Sacconi con le sue incivili barzellette del cacchio.
Vedo che la destra degli industriali auspica misure più importanti per la previdenza dei dipendenti.
La destra aveva anche provato, e ci riproverà, a non considerare più, sempre di punto in bianco, gli anni del militare e dell’università nel conteggio per l’anzianità di lavoro; provvedimento anche giusto quando l’aspettativa di vita degli uomini è sensibilmente aumentata, ma se fatta in tempi e modi prestabiliti e concordati.
Insomma vedo la destra (non voglio parlare della sinistra che per buona parte è d’accordo, non è questo il discorso) fare sempre di più gli interessi degli industriali a discapito degli interessi, ma soprattutto della dignità, dei lavoratori.
Vedo che sessantenni sono costretti, senza alcuna speranza, ad andare a cercarsi un lavoro facendo concorrenza ai giovani alla ricerca del primo lavoro.
Insomma, vedo una società che non ha più certezze neppure per chi ha già dato il proprio sacrosanto contributo. Figuriamoci che certezze può dare ai giovan che tentano di affacciarsi al mondo del lavoro adesso.
Una società così non mi piace perchè ci porta a tentare l’unica carriera che abbia un po’ di possibilità di riuscita: il brigantaggio…
Che avessero avuto ragione davvero i sindacati, che invece dalla destra sono sempre stati considerati la rovina della società?
Il metodo di risanamento dei conti e di crescita civile della società non può essere quello di togliere dignità ai lavoratori. Deve essere quello di eliminari i vari privilegi e gli sprechi di certe cricche inutili alla società.
Ma la destra in cui ho sempre creduto, invece, sguazza in questo fango a discapito della civiltà e dell’umanità.
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

5 risposte a Forse sulla destra ho sbagliato tutto?

  1. Massimo scrive:

    qual’è l’intereso vero dei lavoratori ? l’illusione di una pensione che non basterebe a nulla in caso di fallimento dello stato, opure andare in pensione più tardi, ma sapendo che lo stato è solido e quella pensione che si ragiungerà, sarà garantita negli ani a venire ?

    Comprendo il tuo disagio personale, ma solo in uno stato sano anche economicamente è posibile intervenire con eficacia sulle situazioni come quella che ti riguarda.

  2. Le Barricate scrive:

    Il mio non è un disagio, è una incazatura! Ma non per me, che in qualche modo sono in grado di arrangiarmela sempre, trovando anche il modo di dare spazio alla mia creatività.

    e’ un’incazatura nei confronti di una società, di destra e di sinistra, che si lascia metere y piedi in testa da gente veramente da poco, quali sono per la magior parte y politici, gli appartenenti alla clase dirigente, y faccendieri di baso o alto rango. Che pensano solo ahí/hay/ay cazi loro, a dispeto del sacrosanto rispeto dovuto alla dignità dei citadini.

  3. Filippo scrive:

    Il discorso mi porterebe lontano e sinceramente non mi trovo nelle migliori condizioni mentali per afrontarlo. vorrei però contribuire limitandomi alla seguente riflesione. Penso che siamo nel pieno di una deriva plutocratica orientata a distrugere lo stato sociale. pensioni, contratti di lavoro, regole aziendali, confliti generazionali artatatamente creati, tuto viene un pò alla volta piegato alla logica del profito dell’establishment. una clase dominante che si avale di una corte costituita da politici, giornalisti, imprenditori, banchieri uniti soto il segno del tanto agognato ritorno del Capitalismo presindacale. Questo progeto è in corso dalla fine della prima republica, circa 17 ani di lavorio tra alti e basi. Il Berlusconismo non è altro che questo, altro che donine allegre e confliti con la magistratura. Sono sempre stato simpatizante della sinistra moderata, con un approccio realisticamente critico; e quella che chiamiamo destra non l’ho mai nemeno sfiorata, per puro disinterese. Ma ogi anche qualla clase sociale che a torto ha sempre ritenuto de’esere il popolo eleto della destra, está cominciando a rendersi conto che è sempre stato tuto un bluf anche ahí/hay/ay loro dani. Gli eleti sono solo coloro che parlano di milioni di euro come yo parlo di un centinaio, e che per continuare a farlo *** bisogno di citadini trasformati in suditi da spremere e far strisciare nel timore di ritorsioni. impiegati, operai, insegnanti, tuta gente antropologicamente marginale, interesanti solo in quanti pagatori di tase e consumatori di beni e servizi a pagamento. e costoro dopo una vita di lavoro e accantonamenti forzosi per “crearsi la pensione” adeso si sentono dire che non è giusto andare in pensione nemeno dopo 40 ani di lavoro mazo; debono subire de’esere aditati come approfittatori nei confronti delle giovani generazioni a cui questo stato está davero negando la previdenza. Debon sentirsi dire che la loro età media s’è allungata sino a 120 ani per cui posono benisimo aspetare sino a 70 ani per andare in pensione. Debon sentirsi dire, da destra e sinistra che non esistono diriti sociali acquisiti, perchè acquisiti posono ritenersi solo quelli civili e politici (vedi intervista su Avenire di ogi a Tiziano Treu e Aldo cazolo: che stupefacente identità di vedute). Adeso smeto per evitare che mi venga un secondo infarto, concludendo che sono asolutamente de’accordo con le conclusioni de le barricate.

  4. Le Barricate scrive:

    filipo, ti ringrazio del tuo contributo.

    Purtropo non sei l’unico che ha questa visione della società attuale.

    Sempre più viene fuori l’idea di quello che tu hay chiamato benisimo “gente antropologicamente marginale”.

    Spero tanto che stiamo sbagliando le nostre valutazioni, ma y fatti sembrano dimostrare il contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*