Vedo Lerner e mi ricordo perchè sono di destra

E’ ricominciato l’Infedele, la trasmissione condotta dall’ex di Lotta Continua Gad Lerner.
Ho voluto seguirla per vedere se la pausa estiva l’avesse migliorata un po’.
No! Non l’ha migliorata per niente, anzi, se è possibile l’ha peggiorata!
Ma d’altra parte anche alla trasmissione di Fazio non ha giovato la vacanza estiva.
Ecco! Allora mi sono ricordato il perchè sono di destra. Evidentemente la pausa estiva mi aveva un po’ sbiadito i ricordi.
Il moralismo d’accatto di Lerner è venuto fuori in tutta la sua essenza.
Ospiti che recitavano quello che il conduttore voleva sentirsi dire; fior di professori, Galimberti nella fattispecie, che si sperticano nella condanna dell’antiestetico – costituito dal corpo di una persona anziana che sta a letto con una giovane – naturalmente parlando di Berlusconi; donne scandalizzate che prevedono che i giovani, sollecitati dal comportamento insano del premier, cresceranno col suo esempio e rovineranno il mondo…
Meno male che a un certo punto, qualcuno del Pdl presente in trasmissione fa notare che nessuno si è mai scandalizzato del corpo vecchio di un Moravia che andava a letto con la sua giovane compagna; del corpo vecchio di un Togliatti che andava a letto con la sua giovane compagna, etc… E, aggiungo io, di un corpo vecchio come quello della Borboni che andava a letto con un giovanissimo compagno, di un Briatore che va a letto con Noemi e, adesso con la figona che gli ha dato anche un figlio.. e così via per decine di migliaia di altri casi.
Nessuno ha detto in quelle occasioni che il sesso è anche una questione di estetica e un corpo vecchio a fianco a uno giovane è una roba antiestetica.
Ecco, quello che rovina la sinistra! La stupidità perenne!
Perchè anche quando potrebbero cavalcare seriamente qualcosa anche a ragione, non lo sanno fare, e scadono nello stupido, becero, moralismo d’accatto.
E devo dire la verità, non me lo scordo mai il perchè fin da ragazzo ho scelto di essere di destra andando contro la moda che seguivano tutti i miei coetanei, ma questi comportamenti mi fanno ricordare perchè sono costretto a tenere per Berlusconi.
Perchè il resto è peggio!
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a Vedo Lerner e mi ricordo perchè sono di destra

  1. Massimo scrive:

    Ringrazio Lerner 🙂

  2. Marshall scrive:

    un post che condivido in pieno.

    Ah dimenticavo, ti sei scordato di Pavaroti con la sua segretaria di parecchi ani di meno, o di en Claudio villa che, lui cinquantene, sposò una tredicene. e se andiamo nel pasato, esempi di quaranteni che sposavano venteni c’è piena un’antologia. io, ad esempio, nel giardino delle esperidi parlo indiretamente di casi del genere: Veronica gàmbara, Bianca Maria visconti, e, caso oposto, Sofonisba anguisola. Il fatto che Lerner demonizi la vicenda berlusconi, la dice asai lunga sul suo grado di stupidità e infingarderia. Ma che ci vuoi fare? Fa parte del suo esere, è così e basta. e povereto, crede di esere un sapientone intelligente!

  3. fort scrive:

    Secondo me, Berlusconi ha sbagliato tuto: doveva andare ad uomini.

    Invece è un viziato e va a done. una vera vergogna.

    questo, il pensiero unico sinistro non può perdonarglielo vista l’aria che tira da quelle parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*