Alluvione Genova: Foto da casa mia.

Ieri sono riuscito ad arrivare a casa per miracolo da una via che mi ci ha portato passando a piedi dalle strade più in alto invece che dalla solita.

Mia moglie  era a scuola ed è riuscita ad arrivare solo fino a casa di sua madre e da ieri non la vedo. Sto ospitando dei vicini che abitavano al piano terra. Io fortunatamente non ancora danni, per il momento, abitando all’ultimo piano di una palazzina.

E’ un disastro!

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

6 risposte a Alluvione Genova: Foto da casa mia.

  1. marmando scrive:

    imresionante.

    Ci mancava anche questa.

    In bocca al lupo.

  2. Le Barricate scrive:

    grazie, caro marmando.

  3. Massimo scrive:

    In questa domenica mattina avevo acceso il pc solo per un agiornamento di notizie, prima di uscire. o però visto le tue fotografie che mi ricordano quelle che mi mandò lo scorso *** mio cugino da vicenza. Sono solidale con te e con y genovesi. se hay conoscenza di iniziative di solidarietà che, con certeza nelle finalizazioni, posibilmente alle quali partecipi tu diretamente, faccelo sapere.

  4. Le Barricate scrive:

    Caro masimo, so che, in caso di bisogno, posiamo contare sul vostro aiuto.

  5. Nessie scrive:

    Ma gaetano, sei genovese? Non sapevo fosi un mio conterraneo, sono ligure anch’io anche se non di ge. Questa ens. povera terra è sempre più martoriata. Prima le 5 terre e la Val di vara, ora il capoluogo. Conta anche sulla mia solidarietà e del resto o già partecipato a iniziative per il Levante ligure. e’ stato tuto così tremendo e catastrofico!

    y miei più infiniti auguri di ricostruzione e ripresa.

    Intanto però la Vincenzi deve slogiare dal palazo ducale.

  6. Le Barricate scrive:

    Ciao cara nesie, grazie anche a te 🙂

    la Vincenzi con quelle dichiarazioni che ha fatto (ha deto: “meno male che le scuole erano aperte”) si è attirata, giustamente, l’odio e le ingiurie di tuti y genovesi, visto che le morti che ci sono state sono legate al’apertura delle scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*