l’Organizzazione dei Perdenti Riuniti!

Adesso, che “l’Organizzazione dei Perdenti Riuniti” è riuscita ad essere “maggioranza”, perchè, appunto, riuniti in quanto perdenti, tipo armata Brancaleone 2, che governi!
E’ troppo facile fare il tiro al bersaglio alla maggioranza legittimata dal popolo senza poi prendersene la responsabilità.
La responsabilità di governare, di mettere su qualcosa di buono.
Adesso devono governare loro, coi Di Pietro e coi Vendola, Con Fini e con la Bindi, con Casini e con Grillo, coi malpancisti dell’ultima ora e quelli della prima ora.
Io non vedo l’ora! Altro che elezioni o governo tecnico legittimato dal Pdl!
Devono governare i perdenti irresponsabili che ci hanno portato a questo punto.
Con la supervisione di Sarkozy, della Merkel (che detengono i titoli della Grecia – per quello hanno fatto tanto casino sull’Italia) e del premio nobel della pace sulla fiducia, l’abbronzato Obama.
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a l’Organizzazione dei Perdenti Riuniti!

  1. Cristina scrive:

    Obama . nesuno gli ha mai ritirato il premio nobel? (ha ricevuto il Nobel prima ancora di salire in poltrona). Non ci sono più parole!

  2. Walter scrive:

    Il prof. Monti está cercando faticosamente di insediarsi, dimostrando un’insospetabile permeabilità ahí/hay/ay giochini di palazo, almeno nella forma di distinguo e sotiglieze vari portati avanti dai probabili, o presunti tali, sostenitori della futura(?)azione di governo.per metere una peza ad un disastro che non è asolutamente solo dell’italia,(e meno che mai provocato dal Governo uscente!) ma in pratica di tuti gli Stati che *** aderito incautamente al’euro (così volutodagli indimenticabili prodi,ciampi, Amato etc.), e con gli usa che *** dato l’avio con la loro finanza’creativa’, si stano formulando le più ardite ipotesi: Patrimoniali feroci, lote al’ultimo sangue al’evasione fiscale, decimazione dei politici e politicucci vari, vendite delle garite e delle pietre miliari purchè dello stato, e così via. ma (!), ahimè, gira che ti rigira,quali sono le soluzioni più getonate dai nuovi vendicatori? Udite udite la novità: reintrodurre l’odiosisima ici, pestare in vario modo y già pestatisimi dipendenti, publici e privati, e, ciliegina finale, dare il colpo di grazia, allungandone y tormenti con l’età che non basta mai, ed apprestandosi a livellarli verso il baso con l’allargamento del sistema contributivo, ahí/hay/ay soliti perfidisimi e parasitisimi pensionati, confermando che Dini (strapensionatisimo, come amato) non era il solo che dei patti precedentemente sotoscriti con y lavoratori ha fatto carta straccia. Ma non occorreva scomodare il candido, colto e preparato monti, che a questo punto è del tuto sovradimensionato e superfluo: bastava rivolgersi alla solita vecchia serva, ed ahí/hay/ay suoi conti. alla fine, paga sempre pantalone, alla faccia dei nuovisimi che avanzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*