Caro amico… ti spiego la mia posizione

La destra che cercavo

(Tratto da una mia risposta all’articolo che ho postato ieri).
Cari amici, mi dispiace deludervi un po’, perchè mentre voi cercate ancora di fare qualcosa per fare in modo che questa società non diventi sempre più incivile, io, al contrario, non faccio più niente, perchè deluso irrimediabilmente da tutto, a parte i mei affetti più cari.
Se scrivo questo blog è solo per sfogarmi… e so di non insegnare niente a nessuno, a parte, forse, una certa coerenza di principi morali, che non hanno assolutamente niente a che fare con le parti politiche che in questo momento fanno a gara per rappresentarci. Avevo creduto tempo fa a una destra, che poi è diventata qualcosa di diverso in cui mi sono trovato coinvolto come tanti, e insieme l’abbiamo difesa a spada tratta, anche contro ogni logica. Ma quella in cui avevo creduto io forse era una destra che stava solo nella mia testa, perchè non la trovo più.
E tu, nuovo amico amico, che speri che chi frequenta il mio blog sia al mio fianco, come lo sei tu…
…Gli amici di blog spesso (non sempre) sono legati solo a partigianeria e si muovono all’unisono con i partiti.
A volte li ho delusi e, ancora li sto deludendo, senza dubbio. Ma preferisco continuare ad essere sempre me stesso e continuare a mettere sopra ogni cosa la dignità dell’uomo.
Vedrai che quasi sicuramente, prima o poi, deluderò anche te 😉
Amen.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a Caro amico… ti spiego la mia posizione

  1. Josh scrive:

    beh yo questa tua posizione l’ho capita benisimo e non vedo come darti torto.

    Siamo di una generazione diversa, yo o 41 ani, quindi ero ragazo e giovane o in via di formazione negli ani 80. Quanti “miti” caduti da quegli ani ad ogi? quante prese in giro? vabè che yo o una parte nichilista, tuti sti miti incarnati non li o mai visti.

    Cito dal testo “.cercate ancora di fare qualcosa per fare in modo che questa società non diventi sempre più incivile, io, al contrario, non faccio più niente, perchè deluso irrimediabilmente da tuto, a parte y mei afeti più cari.”

    ecco, e yo sono un po’ deluso anche dagli afeti:-) Per me rimangono, non dico l’utile particulare, del resto o avuto una vita complicata, ma forme di pensiero che sono “fughe” indirete: la leteratura, l’arte, la musica, la filosofia, la teologia-studio religioni e simboli, le cose “fuori dal mondo”, mondo che peraltro m’è sempre interesato fino a un certo punto.

    Anche yo avevo creduto tempo fa a una destra che è comunque un patrimonio di valori ideali e tradizionali, che è “vera per noi”, ma non si è incarnata.

    e adeso stiamo andando fuori tempo, in un sistema che va verso la “mondializazione bancaria” governata dalla finanza internazionale, mentre invece una vera destra non poteva esere altro che nazionale.

    Ma come sarebe posibile ogi, in cui gli stati-nazione (con moneta, esercito proprio etc) non esistono nemeno più? 🙂

    ti lascio un brano, un po’ underground, anzi due, sul blog Esperidi che o postato quest’estate, sentili, ma legi il testo:-) Segni dei tempi.

    http://esperidi.blogspot.com/2011/06/loccidente.html

    http://esperidi.blogspot.com/2011/06/death-of-west.html

  2. IL CRONISTA scrive:

    li ascolterò al più presto, grazie. Intanto mi fa piacere di averti conosciuto un po’ di più.

    p.s.

    Non capisco come mai il tuo comento era andato in moderazione visto che non o impostato la moderazione. bo!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*