Cambiamo nome, diventiamo IL CRONISTA

Questo blog in quasi sette anni ha già cambiato due volte nome.
Era partito come L’Ineffabile Weblog nel 2005, per poi con il governo Prodi diventare Le Barricate per dimostrare già col titolo la battaglia che avremmo fatto a siffatto governo.
Adesso, dopo aver contribuito a riportare il Pdl al governo nel 2008 (insieme ad alcuni milioni di altre persone), abbiamo assistito alla resa di questo. E con la resa del Pdl che ci ha voluto lasciare nelle mani di un altro governo non eletto, abbiamo deciso di attualizzare il nome del blog e renderlo più consono alle nostre posizioni attuali.
IL CRONISTA – già critico nei confronti del Pdl da quando aveva voluto imbarcarsi nel partito unico portando con se An (al quale partito avevamo aderito in tempi non sospetti prima che il suo presidente cominciasse dal 2006 ad andare verso Casini e Rutelli) – lo è stato ancora di più verso la mancanza di capacità del leader riconosciuto, di saper scindere la sua vita privata da quella pubblica. Nessuna critica, o poca critica, nei confronti della sua vita privata (che tra l’altro non si è saputo gestire, rovinando anche il suo matrimonio, ma il sedere è il suo e ne può fare quel che vuole), ma forte critica, ripeto, per l’immagine pubblica che ne ha per forza di cose risentito anche a livello internazionale.
Siamo stati anche critici nei confronti di certa leggerezza dimostrata a livello di uomo pubblico, anche se in ogni modo abbiamo sempre voluto dargli il nostro voto e continueremo a darlo, forse, sempre al centro desta, ammesso che voteremo alle prossime elezioni.
Siamo fortemente critici nei confronti dell’inciucio politico attuale che ha portato partiti dalla politca contrapposta ad assumere Il Macellaio che dovrà fare la macelleria sociale che loro non hanno avuto il coraggio di fare.
La macelleria sociale non è l’equità che evoca il nuovo premier Monti e se il buongiorno si vede dal mattino, il mattino di Monti non ha l’oro in bocca…
Così adesso siamo IL CRONISTA, e sotto questo nuovo nome, saremo come prima contro le caste, e contro chi vorrà anteporre gli interessi delle caste agli interessi dei comuni cittadini italiani.
.. E contro, sempre, chiunque tenti di toglierè dignità all’umanità.

IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a Cambiamo nome, diventiamo IL CRONISTA

  1. Massimo scrive:

    Auguri al nuovo nome, allora 🙂

  2. Josh scrive:

    prendo atto del cambio del nome, e buone battaglie!

    Speriamo solo tra un po’ di non doverci chiamare tuti “gli espropriati”, ma mi sa che ci siamo già.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*