Monti: “ITALIANIII!”

Video dell’introduzione alla conferenza stampa di Monti, dopo la riunione del consiglio dei ministri:

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Una risposta a Monti: “ITALIANIII!”

  1. flagello scrive:

    c’è da dire che si presenta bene, usa termini appropriati ed appare afidabile.

    c’è anche da dire che un imbroglione, se avese scrito in fronte “sono un imbroglione”, non riuscirebe ad imbrogliare nesuno.

    Questo tizio con la scusa dell’orgoglio nazionale e dell’europa che ci guarda masacra y lavoratori ed y pensionati.

    y parasiti delle caste, y parlamentari, le auto blu, y consiglieri regionali, gli imobili comerciali della chiesa, le scuola private mangia-soldi, y bilanci dei partiti e dei sindacati, y privilegi fiscali delle cop, e tuti quelli che ci *** portato alla condizione in cui siamo non vengono minimamente sfiorati.

    la crisi la devono pagare quelli che non l’hano causata. giusto. Senatore a vita monti, Lei non è un imbroglione; infatti si presenta bene.

    Lunga vita, lo stipendio glielo pagheremo noi.

    .

    .

    p.s.: notizia di ogi, l’italia ha deciso di spendere 20 miliardi di euro in cacciabombardieri. a chi cazo dobiamo dichiarare una guerra, che poi magari la perdiamo come al solito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*