Qualcuno comincia a dire cose serie?

Ieri sera a Porta a Porta una del Pd di cui non ricordo il nome ha cominciato a dire qualcosa di serio.
Mentre gli altri ospiti, compresi quelli del Pdl, sostenevavo che, va beh, loro avrebbero fatto la manovra in un altro modo e che di qui e che di là, e che comunque le correzioni apportate la rendono più equa,
la persona in questione si è opposta dicendo che ci sono ancora molte cose da migliorare nella manovra. Per esempio i molti esodati che sono rimasti fuori da qualsiasi ammortizzatore sociale perchè magari lavoravano, chessò, nella latteria sottocasa piuttosto che nell’autofficina all’angolo e che quindi si ritovano senza stipendio e non possono ancora andare in pensione.
Bene! Questo blog non è certamente famoso e non fa testo (anche se l’Unità.it ci fa il piacere, spontaneamente, di riprendere i nostri video quotidianamente e di questo li ringraziiamo), ma siamo contenti che la nostra voce, insieme a quella di moltri altri che non possono parlare alla televisione, cominci a essere presa in una qualche considerazione, forse…
IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*