Clamoroso! Il popolo unito, sui tetti del palazzo!

Lo so, siamo alla vigilia del Santo Natale, e tutti dovrebbero mettere da parte i propri rancori.
Ma il rischio è che mentre noi festeggiamo la nascita di Nostro Signore mangiando ravioli e panettoni, “quelli” se ne approfittino per fare calmare le acque.
No! Le feste natalizie non devono addormentarci, quello che sti sta compiendo a danno del popolo è incivile. Non si deve abbassare la guardia.
Ma per tornare al titolo di questo articolo, naturalmente era solo una provocazione.
Perchè il governo si chiama Monti e non Berlusconi.
Vi ricordate ai tempi di Berlusconi?
Tutti gli studenti nelle piazze, davanti al parlamento, sui tetti delle università, Bersani capopolo per una volta che cavalca la tigre della protesta, sindacati a muso duro, donne ad inventarsi nuove manifestazioni..
Oggi, invece, tutti con la testa bassa ad assumere una posizione a 90° gradi nei confronti del prof. sen. grand. uff. Mario Monti e la sua concubina di governo, la ministra coccodrillo, che piange la digestione dei diritti dei pensionandi e pensionati che si è mangiata.
Mi dispiace doverlo constatare, ma gli Italiani siamo diventati dei vigliacchi.
Sappiamo fare soltanto le guerre contro le parti politiche opposte, come i tifosi del pallone. E ci riusciamo molto bene. Ma non sappiamo fare, forse proprio perchè non ce ne frega un cacchio, gli interessi dell’umanità, che a mio avviso dovrebbe essere l’interesse primario della società.
Questa società, che adora il dio Finanza, è davvero all’apice del materialismo.
La società in cui ho sempre creduto io è quella in cui i cittadini non vengano mai toccati nella propria dignità. Perchè i cittadini che lavorano e quelli che hanno già lavorato sono la vera società.
Gli altri, spesso, sono solo parassiti che vivono sul nostro lavoro e sulle nostre pensioni.
AUGURI.
IL CRONISTA.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

6 risposte a Clamoroso! Il popolo unito, sui tetti del palazzo!

  1. Nessie scrive:

    hay ragione gaetano. e yo stesa o dato il mio contributo nel merito, prima con la mia fiaba di Natale contro la sinistra appecoronata alla finanza, e ora con una vigneta che ti consiglio di venire a vedere. Buon natale!

  2. IL CRONISTA scrive:

    Ciao carisima nesie, sono venuto a vedere e ti o lasciato un lungo comento.

    Buon Natale 🙂

  3. Massimo scrive:

    la tua sana rabia, moltiplicata per milioni di Italiani inganati da Napolitano e monti, potrebe, chisà, fare del 2012 l’ano della riscosa .

  4. IL CRONISTA scrive:

    masimo, la mia sana rabia, come tu la chiami, è un’incazatura vera e propria contro tuti, Berlusconi e il centro-destra compresi, anzi, verso di loro, che stano con marcegaglia e marchione (come gli altri, del resto) . un po’ di più 😉

  5. susy scrive:

    la sana rabia me la porto dietro da diversi deceni. vorrei tornare bambina quando y segni della guerra erano ferite ancora aperte e la solidarietà era pane di tuti y giorni.ora devo constatare che la società odierna ha perso il senso e l’esenza della vita nel suo significato più profondo e la frivoleza, l’arroganza, la superficialità, l’ingordigia,l’egoismo,la fano da padroni e tuti a fare le bandiere al ventoie’ la società, che ritengo, sia amalata e amaliata e instupidita!

  6. IL CRONISTA scrive:

    Cara susy, penso anch’io che una società che è ritornata ad adorare il vitello de’oro sia amalata e instupidita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*