Il governo dei teorici e lo spread

Un conto è la teoria, altro conto è la pratica.
I ministri e le ministre del nuovo governo voluto dal presidente della repubblica, dal partito dell’attuale maggioranza che lo sostiene, dal più grande partito dell’ex opposizione, e da vere e proprie leggere (leggasi: poco di buono) quali Casini e Fini, avevano fatto i conti senza l’oste.
I maestrini della terza repubblica, con le loro bacchette, con le quali hanno voluto bacchettare la vasta e pericolosa casta dei pensionati italiani per risolvere il problema della grave crisi italiana, europea, nonchè mondiale, forse stanno capendo che passare la vita a dire agli altri quello che è giusto o non giusto fare, alla fine è solo frutto di pura sperimentazione teorica.
La pratica, infatti, è un’altra cosa.
La pratica è quella cosa, non da poco, dovuta all’esperienza nel farle le cose, e non nel teorizzarle.
Infatti il divario tra i titoli italiani e quelli tedeschi, cosiddetto “spread” – il dio a cui i professori ci fanno sottomettere – non si è neppure accorto del cambiamento del governo italiano e della manovra che questi signori hanno voluto e fatto approvare.
I professori, i banchieri, le maestrine che piangono lacrime di coccodrillo, adesso sono sorpresi che la loro ricetta di bastonate alla gente paia non funzionare come avevano teorizzato con aria di sussiego dalle loro cattedre di cartone.
Non hanno ancora capito che non si dà credibilità a un Paese togliendo ai meno abbienti e conservando le caste, anzi, questa è la ricetta che tutti i prepotenti del mondo hanno sempre cercato di propinare al popolo, fin dai tempi dei faraoni.
Niente di nuovo, quindi, sotto il sole, dal governo dei teorici… Anzi!
IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

7 risposte a Il governo dei teorici e lo spread

  1. flagello scrive:

    Lei ha ragione; siamo nelle mani di un governo formato da presuntuosi e nominato da incapaci.

    Ora inizia la “fase 2″… aiuto!

  2. Massimo scrive:

    Ma con le dimisioni di Berlusconi lo spread non doveva scendere soto y 200 punti . ? :-d

  3. IL CRONISTA scrive:

    flagello, Speriamo che la lega, Idv e gli altri che nel frattempo si sono raveduti abiano il coragio di oporsi a questo governo di mumie e riescano a farli fuori

  4. IL CRONISTA scrive:

    infatti, masimo! con la cacciata di berlusconi tuto avrebe dovuto risolversi. lo davano responsabile di almeno 300 punti di spread.

  5. flagello scrive:

    Ci dirano che la colpa è dello spread che non capisce l’italiano.

    .

    ma. Napolitano non poteva andarsene ahí/hay/ay giardineti a giocare a dama su qualche panchina anzichè darsi ad una seconda giovineza? (che poi la prima non è stata neanche ‘sto gran chè.)

    http://www.storialibera.it/epoca_contemporanea/comunismo_nel_mondo/est_europa/ungheria_1956/articolo.php?id=732

    Bisogna però riconoscergli la coerenza: la democrazia non ha mai saputo neanche dove está di casa.

  6. IL CRONISTA scrive:

    Caro flagello, a vedere come si è imposto questo governo e quello che está facendo, e vedendo anche quello che está succedendo in grecia, che pare siano alla fame nera (dal blog di nesie:

    http://sauraplesio.blogspot.com/2011/12/grecia-di-crisi-si-muore.html?ext-ref=comm-sub-email

    c’è davero da credere alle dietrologie.

  7. flagello scrive:

    Non siamo così lontani dai fatti che capitati in grecia:

    http://www.lanazione.it/umbria/cronaca/2011/12/28/643974-rubato_mangiare.shtml?google_editors_picks=true

    Comunque onore al popolo greco, che quantomeno ha provato a ribellarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*