I sindacati forniscono la vasellina

I sindacati dopo aver fatto finta, neanche con tanta convinzione, di opporsi all’innalzamento dell’età pensionabile e all’abolizione della pensione d’anzianità tutta d’un botto – delle quali, ricordiamolo, i provvedimenti erano già stati presi in maniera meno traumatica per chi avrebbe dovuto andare in pensione da quest’anno – adesso si preparano a fare finta di concertare il decreto che il presidente del consiglio, con grande considerazione di sè stesso e dei suoi ministri accoliti, ha suggerito fosse chiamato “CRESCI ITALIA”… (Ma allora quando il compianto Silvio aveva voluto chiamare il suo partito “FORZA ITALIA” era stato un precursore dei tempi e nessuno se ne era accorto? Visto le prese per il culo che ci siamo beccati per quel nome?).
Io lo so già, ancora prima della concertazione: i sindacati faranno quello che gli imporranno i padroni.
A questo punto, visto che la democrazia è un qualcosa di cui ci si riempie la bocca fino a quando i padroni te lo concedono, ma quando gli stessi vogliono, te la tolgono pure, a che cacchio servono i sindacati?
Per preparare la strada con un po’ di vasellina all’azione violentatrice dei padroni?
Mi sa che sia proprio così! Riflettete!
IL CRONISTA

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a I sindacati forniscono la vasellina

  1. Massimo scrive:

    Il sospeto è venuto da tempo anche a me .

  2. IL CRONISTA scrive:

    Ormai più che un sospeto è una certeza 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*