Piccoli soloni del web crescono

Il barbaro omicidio della bambina cinese sta dando addito a certi nuovi soloni del web, xenofobi, di aizzare gli animi, di nuovo e sempre, contro gli stranieri residenti in Italia. Anche se questi, come in questo caso i Cinesi, hanno subito, e non commesso, il delitto.
Le motivazioni per dare addosso allo straniero sono svariate e fantasiose:
“Ecco! Quando si tratta che ammazzano uno dei loro, tutti a fare l’autofustigazione, mentre per tutti gli Italiani ammazzati da loro, nessuno ne parla più!”. Oppure: “Meno male che si è scoperto che è stato un magrebino, perchè se no erano già pronti per le manifestazioni contro gli Italiani”. Oppure: “Io quando ho sentito la notizia della bambina ammazzata ho pensato subito che fosse un regolamento di conti tra gente di malaffare”. Oppure: “Ma perchè non se ne stanno a casa loro? Quelli che dicono che anche gli Italiani sono emigrati in tutto il mondo non si rendono conto che erano alltri tempi. Io per esempio non mi sono mai mosso dalla mia città!”.
E cosi via in un’escalation di stupidità fatta di chi le spara più grosse.
Questi non hanno la capacità di rendersi conto che quando dicono che “noi Italiani siamo stati, sì, degli emigranti, ma lo siamo stati quando erano altri tempi di bisogno”, giustificano anche gli emigranti attuali, che siano Cinesi, Tunisini, Libici o Marocchini.. In quanto per questa gente i tempi attuali sono tempi di bisogno.
Poi, che si voglia pretendere che i flussi di emigranti abbiano delle buone regole, è un altro discorso, e lo pretendo anch’io.
Perchè preferisco vedere un Marocchino fare il commesso in un supermercato – come ne ho visti con piacere – piuttosto che vederlo dormire in un’auto e cercare, di giorno, di affibbiarti qualche accendino o qualche paio di occhiali da sole, piuttosto che borse griffate, naturalmente false.
… E che diamine, non confondiamo la giusta pretesa di regole per il nostro e per il loro stesso quieto vivere, con una stupida xenofobia, per non volere usare la parola razzismo.
IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a Piccoli soloni del web crescono

  1. Massimo scrive:

    Anche yo preferisco vedere un marocchino fare il comeso al supermercato che bighellonare in centro chiedendo l’elemosina. preferirei, però, che il comeso al supermercato lo facese in marocco e che in Italia fosero ammessi solo gli stranieri necesari (ed espulsi gli altri) e che volesero veramente integrarsi. Il che significa vestirsi come noi, mangiare come noi, pregare come noi, festegiare come noi. Non mi piace una enclave che mantenga le sue abitudini e y suoi usi, bien diferenti dai nostri.

  2. IL CRONISTA scrive:

    infatti, masimo.

    Infatti o scrito: “… e che diamine, non confondiamo la giusta pretesa di regole per il nostro e per il loro steso quieto vivere, con una stupida xenofobia, per non volere usare la parola razismo.”

    Quidi direi che siamo de’accordo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*