Caso Concordia: una telefonata da Oscar

Neppure il più grande regista di Hollywood con i suoi migliori attori avrebbe potuto mettere su una telefonata così perfetta, cinematograficamente, come quella avvenuta tra il comandante De Falco della capitaneria e il capitano Schettino della Concordia.
Un film con una telefonata simile avrebbe un sicuro successo mondiale per l’intensità, per la drammacità, per la perfezione dei tempi e delle battute.
C’è quindi da aspettarsi prossimamente un regista, se non più di uno, lanciarsi nella realizzazione di un film sulla tragica vicenda dei quattromila passeggeri capitati, loro malgrado, sulla nave comandata dall’ormai ex capitano.
Un film che utilizzerà, manco a dirlo, la registrazione originale della telefonata avvenuta realmente.
Il comandante De Falco si è ritrovato a essere protagonista, suo malgrado, in una serata che avrebbe dovuto essere come tante altre, se solo un altro capitano avesse fatto il proprio dovere come doveva essere fatto… e la sua voce in quella telefonata sarà ascoltata ancora milioni di volte negli anni a venire e sarà certamente portata a esempio negli istitui nautici per insegnare agli allievi il retto comportamento in occasioni del genere, che in mare possono sempre avvenire, purtroppo.
Rimane una breve riflessione da fare… c’è un detto marinaro che abbiamo imparato a conoscere in questi giorni, che recita: “Chi va per mare naviga, chi sta a terra giudica…”
IL CRONISTA

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a Caso Concordia: una telefonata da Oscar

  1. olandese volante scrive:

    .schetino: -.giuro sul Titanic che sono rimasto a bordo della Concordia fino alla fine, peccato che nesuno mi abia visto.-

  2. Ciao olandese, quanta amareza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*