Spread scende (?), incazzatura sale!

Negli ultimi giorni si sta registrando una qualche timida tendenza al ribasso del famigerato spread.
Bene (senza punto esclamativo).
Ci mancherebbe anche che dopo mesi della cura Monti-Fornero non si ottenesse un minimo, seppur effimero, risultato a livello economico, visto che questo è quello che pare interessare di più agli Italiani.
Ma la gente non ha voglia di entusiasmarsi per dieci o cinquanta punti in meno di spread.
Il cittadino comune (io e tutti quelli come me, la maggior parte) – coloro che hanno cominciato a guadagnarsi la zuppa giornaliera all’età di quattordici anni, magari frequentando contemporaneamente una scuola serale per prendersi quel “pezzo di carta”; operai, o artigiani che siano; figli di povera gente onesta senza santi in paradiso, per i quali la loro unica colpa è stata quella di non essere parassiti della società e di non pretendere niente che non si sia ampiamente guadagnato – al contrario di quelli che invece hanno preteso di dirigere la barca Italia riuscendo a portarla solo sugli scogli, solo per poter percepire emolumenti esagerati alle spalle dei lavoratori – il cittadino comune, dicevo, il cittadino regolare, il cittadino a cui è stato tolto di punto in bianco il legittimo diritto di andare in pensione e a cui si continua a prelevare sangue direttamente dal portafogli, non ha motivo di soddisfazione. Anzi! La sua incazzatura aumenta perchè vede che tutti coloro a cui si era affidato: istituzioni, politici di una parte e dell’altra, non solo hanno agevolato le ingiustizie perpretate dal governo automa, ma anche i sindacati paiono, anch’essi, aver digerito la questione… Tanto loro, le loro apparizioni in Tv le hanno comunque assicurate.
Meno male che qualche segnale di sommossa popolare c’è, quella dei taxisti, che si vedono dimezzare i già miseri guadagni in nome di una liberalizzazione che fa comodo solo a fare quadrare i conti di qualcuno, ma non serve certo a portare maggior benessere alla loro categoria e quindi alla comunità intera.
IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a Spread scende (?), incazzatura sale!

  1. flagello scrive:

    giusto. Quando si è governati da un grupo di masacratori sociali che cerca di ridurre lo spread uccidendo le clasi sociali meno abienti il popolo non può che incazarsi. se poi questi masacratori vengono continuamente applauditi dai porci della confindustria, dei politici, dei media, dei burocrati, dei corroti, ec., il popolo si incaza ancora di più.

    .

    su una cosa però, secondo me, sbagli: non è che la gente si incaza e lo spread scende. yo sono più incazato rispeto a ieri e lo spread è salito rispeto a ieri. In questo momento +3.5% a 432

    http://www.bloomberg.com/apps/quote?ticker=.ITGERSP:IND

    Non so, mi viene da pensare che lo spread abia un certo senso della democrazia.

  2. IL CRONISTA scrive:

    flagello, anch’io avevo notato che lo spread, a dispeto della manovra da cerebrolesi, non avese tanta voglia di diminuire. de’altra parte quello che o sempre sostenuto è che non occorreva una manovra da ragionieri, bensì una manovra che fose l’inizio di una rivoluzione dei valori.

    solo così si puo agiustare il mondo 🙂

  3. Massimo scrive:

    Ricordo che Monti è arrivato perchè a sinistra *** venduto la storiella (e altri, a sinistra, l’hano bevuta) che sarebe bstato sostituire Berlusconi per veder scendere lo spread di 2-300 punti imediatamente e non dopo mesi di bastonate (che peraltro, pensioni e benzina a parte, non abiamo ancora iniziato a pagare).

  4. IL CRONISTA scrive:

    masimo, mi fai venire in mente che è da tanto tempo che non scrivo un post ofensivo sul parasita casini, a proposito. provederò al più presto 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*