Marcia Gaglia: “ladri e fannulloni!”


Guarda il video su YouTube
Cari amici, lo avevamo sempre sospettato, il nostro problema di Italiani è che siamo per la maggior parte ladri e fannulloni.
Come dar torto ai Tedeschi e agli altri stranieri che ci vedono tutti come degli Schettino, dei Parolisi, o se ci va bene come dei Celentano?
Se la classe dirigente italiana lo dichiara così, fuori dai denti, in pubblico, è senz’altro vero. Non c’è dubbio!
Sì, la presidentessa della confindustria, tale Marcia Gaglia, ha dichiarato a tutti i tg a proposito dell’ art. 18, che loro vogliono avere il diritto di poter licenziare i fannulloni e i ladri.
Così il nostro sospetto è diventato un fatto inconfutabile: la crisi mondiale è stata provocata dai cittadini comuni italiani non appartenenti a nessuna casta, che si fanno il mazzo da quando avevano quindici anni per guadagnarsi da vivere, avendo iniziato a lavorare in un epoca nella quale spesso la messa in regola dei lavoratori era un optional, tanto che molti di noi si ritrovano ad aver lavorato per quarantacinque anni e se ne ritrovano solo trentacinque sull’estratto conto dell’Inps.
Ebbene, questi Italiani, me compreso, siamo considerati in buona parte ladri e fannulloni, insomma la rovina delle società, da quella italiana a quella tedesca, financo a quella greca.. nonchè a quella statunitense. Altrimenti, se la proporzione fosse minima, non sarebbe potuta essere oggetto di simile esternazione.
Naturalmente, cara signora Marcia Gaglia, non è così. Perchè i ladri che io sappia vanno in galera con l’art. 18 o no, e i fannulloni dimostrati possono essere licenziati da sempre e non c’è mai stato sindacato a difesa che tenga, quando il danno all’azienda sia dimostrato, in quanto automaticamente doloso e come tale oggetto di cause civili se non penali.
La realtà, signora Marcia Gaglia, è – come abbiamo già scritto molte volte in questo piccolo spazio che ci prendiamo per dire la nostra da cittadini comuni – che lei, il reuccio delle automobili, e la premiata macelleria sociale che sta al governo sorretta dal Pdl, dal Pd, dai centrini di fini e di casini, avete restaurato la lotta di classe e volete alle vostre dipendenze solo quelli che hanno la vocazione ad essere schiavi. Ne conosco tanti di quella sottospecie di essere umani.
Ma per il momento la guerra è solo quella che voi state facendo contro i cittadini comuni, spero che presto i cittadini comuni lo capiscano e inizino a combattere anche loro contro di voi.
In quel caso avrete la peggio, perchè siamo tanti!.

P. s.
Naturalmente l’errore del cognome della presidentessa della Confindustria è voluto.

IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*