Sul No Tav: Onorevoli, ma che vivete a fare?


Guarda il video su YouTube:
Anche nella puntata di ieri sera dell’Ultima Parola, la trasmissione condotta da Paragone con servizi sul campo del bravo Alessio Lasta che ha fatto un reportage dalla Val di Susa, abbiamo assistito, come la settimana scorsa, allo spettacolo penoso che gli onorevoli ci hanno mostrato.
Alla domanda di una cronista: “Lei sa cos’è la Tav?… Da dove parte e dove dovrebbe arrivare?… Il tratto che interessa la Val di Susa?”, di nuovo, come era già successo per l’art. 18, nessuno ha saputo dare risposte chiare. Ancora è iniziata, da parte di tutti gli onorevoli, la spiegazione di un qualche Sarchiapone.
Dagli onorevoli del Pd, a quelli del Pdl, a Scilipoti compreso, molti rispondevano che non possono essere dei tuttologi… (?!). Ma allora che cacchio vi paghiamo a fare stipendi esagerati? Magari per farvi continuare a svolgere le vostre già ben remunerate professioni e ogni tanto andare a scaldare le vostre poltroncine nel parlamento, votando le leggi come fanno i soldatini, su ordine dei vostri superiori?
Mi convinco sempre di più, che è tutto sbagliato.
Non dobbiamo più mantenere le caste dei parassiti, e le leggi per il popolo le dobbiamo farle noi comuni cittadini che abbiamo la pancia vuota, e non lasciarle fare a chi non gliene frega niente dei bisogni del popolo, perchè ha la pancia piena.
IL CRONISTA

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a Sul No Tav: Onorevoli, ma che vivete a fare?

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    D’accordissimo su tutto.
    Il problema come si risolve?
    Cosa dovrebbero fare quei tanti che la pensano come noi?
    E’ inutile nascondersi che tra poco saremo richiamati a dire la nostra sulla politica… che si fa?
    Io fino a ieri pensavo alla Lega (per l’antieuropeismo, non per altro), ma dopo aver visto come si è comportata in questo caso l’ho cancellata. E ora?
    Non si vota così lasciamo che i più mammalucchi decidano per noi?
    Ripeto… che si fa?

  2. IL CRONISTA scrive:

    Ciao, ti rispondo da Bologna dove sto facendo un reportage. Non so quello che si fa, io so solo da tempo che sto affilando la ghigliottina. Voglio fare un copiaincolla di quello che è successo nel 1789.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*