Sull’Art. 18, sulla dittatura, sulla rivoluzione


YouTube:
Sinceramente non ho ancora avuto modo di capire benissimo le differenze che il governo vuole apportare all’ art.18. e se davvero, nel concreto, sia il caso di combatterle. Anzi, da quello che ho capito non sarebbe il caso di combatterle, se fossimo in un’atmosfera normale.
Ma in questo momento non viviamo in un’atmosfera normale, stiamo vivendo in una situazione nella quale è stata sospesa la democrazia.
Quindi, per principio, mi schiero dalla parte più scomoda: la parte dei cittadini comuni che sono interessati da queste modifiche, di conseguenza mi schiero contro il governo dittatoriale. Pur avendo evitato per quasi tutta la vita lavorativa di inscrivermi ai sindacati, oggi sto con la Cgil.
Sto con la Lega, Con l’Idv, sto con Vendola che ha fatto la seguente dichiarazione:

(AGENPARL) – Roma, 21 mar – “E’ davvero imbarazzante l’atteggiamento del governo Monti, a fronte di un’Italia che sta vivendo una sofferenza, un disagio straordinario . Di fronte a notizie di suicidi di chi non riesce a trovare lavoro, di fronte alla disperazione di un’intera generazione di ragazzi e ragazze , assediata dalla precarieta’. L’unica ossessione del governo Monti e’ quella di recidere il legame con la nostra cultura democratica”.

E ancora…

“Cancellare l’articolo 18, manipolarlo, deformarlo, – prosegue il leader di Sel – significa semplicemente portare lo scalpo della civilta’ del lavoro presso i potentati della finanza internazionale. Questo e’ francamente inaccettabile. I conservatori italiani che hanno voluto questo colpo di mano stiano comunque tranquilli: la Cgil non e’ certo isolata nel Paese. E fara’ valere le ragioni di milioni di italiani, nell’interesse del futuro dell’Italia Compito del centrosinistra in Parlamento e nelle piazza, ora, – conclude Vendola – e’ di non lasciare solo il proprio popolo”.

Sto anche con Bersani, che ieri sera a Porta a Porta ha dichiarato la propria contrarietà con delle motivazioni condivisibili.
Sto con questi, perchè sono gli unici, con tutti i distinguo possibili, che non vogliono consegnarsi senza combattere al governo dittatoriale dei professori dementi.
Ripeto, è una questione di principio: non voglio accettare le decisioni prese sulla nostra pelle da un governo di ricchi milionari insensibili non eletti dal popolo che, peraltro, si credono missionari.

So bene che questi politici hanno le tasche piene, anch’essi, e che non si oppongono disinteressatamente, ma lo fanno anche per la speranza di avere più voti in seguito. Ma l’importante, al momento, è opporsi alla mannaia della dittatura. Con qualsiasi mezzo.
Anche con una rivoluzione!
IL CRONISTA
Seguici su Twitter

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

5 risposte a Sull’Art. 18, sulla dittatura, sulla rivoluzione

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    La Chiesa Cattolica fa cagare.
    .
    Lo so che non c’entra niente con l’articolo, ma mi è venuta così, come associazione di idee quando ho pensato a chi sostiene questo schifo di governo.

  2. Massimo scrive:

    Ero favorevole alla abrogazione della legge 300/70 venti anni fa, quindi al de profundis per l’art. 18 e lo sono anche oggi. In più non combatterei mai fianco a fianco con la Camusso, Bersani, Vendola, Di Pietro, neppure se questi, per motivi opposti ai miei, sostenessero le mie medesime tesi … esattamente come non sto con Bin Loden e la Madonna piangente (che sei riuscito a far ridere) neppure quando, per motivi opposti ai miei, attuano idee che da sempre sostengo, come il de profundis per l’articolo 18. 😉

  3. IL CRONISTA scrive:

    Anch’io ero favorevole alla abrogazione della legge venti anni fa. ORA, IN QUESTA SITUAZIONE IN CUI SIAMO GOVERNATI DA DEMENTI CHE FANNO QUADRARE I CONTI SULLE NOSTRE SPALLE, MENTRE LORO E I POLITICI CHE LI SOSTENGONO GUADAGNANO MILIONI ALL’ANNO, NON PIù: 😉
    (In quale post parlo di un qualche sorriso della madonna delle lacrime?) 🙂

  4. Massimo scrive:

    Nella fotografia che correda il post ride di gusto … 🙂

  5. IL CRONISTA scrive:

    aaah, invece Crozza era proprio riuscita a farla ridere di gusto.. :))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*