Fornero: il problema dei lavoratori? Tre righe!

Fornero: il problema dei lavoratori? Tre righe!

23 marzo 2012
By
Share: Condividi
Condividi


Youtube:
L’odiosa “professoressa di welfare” Fornero in conferenza stampa ha tirato fuori il documento di una pagina e mezza che tratta della riforma del lavoro per mostrarlo ai giornalisti, dicendo: “Vedete? Su una pagima e mezza l’art. 18 occupa tre righe. Vedete quanto poco spazio occupa?”
Infatti noi lavoratori sessantenni – cacciati dai posti di lavoro causa crisi (per poi vedersi spostare le finestre d’uscita per percepire la pensione, quindi rimasti senza stipendio e senza pensione: questo succede nelle piccole aziende…) per essere sostituiti da giovani pagati la metà di noi, che devono lavorare a testa bassa e fare straordinari non pagati per non dispiacere i marchioncini, altrimenti questi ultimi non possono comprarsi la porsche ultimo modello – sappiamo bene che per molti datori di lavoro con piccole aziende siamo considerati solo un piccolo problema fastidioso della consistenza di appena tre righe, da poter mettere in mezzo alla strada. Infatti, così fanno.
Questo dimostra, cara professoressa di welfare, se mai ce ne fosse bisogno, che il problema non è quello di rivedere l’art. 18 al ribasso, semmai è quello di estenderlo anche alle aziende con meno di quindici dipendenti.
Ma voi milionari non capite un cazzo perchè avete gli occhi come quelli di Paperon de’ Paperoni, con i dollari stampati sopra.
Cosa ve ne frega a voi se poi i sessantenni che avete esodato all’italiana, anzi alla napoletana, e dai quali contestualmente pretendete più anni di lavoro (ma si puo?), rimangono senza sostentamenti per sè e per le proprie famiglie, e spesso anche con l’impossibilità di pagarsi gli ulteriori anni d’Inps da voi pretesi?
Già, cosa ve ne frega?
Cari Monti e Fornero, professori dementi del cacchio, tornatevene a casa e tiratevi dietro la vostra spocchia, prima che vi facciate male.
IL CRONISTA
Interagite con IL CRONISTA su Twitter

Share: Condividi
Condividi

Tags: , , , , , , , , ,

8 Responses to Fornero: il problema dei lavoratori? Tre righe!

  1. Gert dal Pozzo
    23 marzo 2012 at 12:34

    Condivido tutto.

    (Evito di dire quello che penso io della Fornero perchè tutte le volte che l’ho fatto mi hai censurato con degli asterischi filogovernativi)

  2. IL CRONISTA
    23 marzo 2012 at 14:45

    Gert, lo sai che sono un filogovernativo per eccellenza :))

  3. Gert dal Pozzo
    23 marzo 2012 at 20:16
  4. IL CRONISTA
    23 marzo 2012 at 21:43

    Avevo visto un pezzo dell’intervista nei tg, e penso che Tonino o’ laureato, che ammiro veramente molto poco, in questo caso stia dicendo delle cose assolutamente condividibili.

  5. Giuseppe
    1 aprile 2012 at 10:35

    Questa non è una riforma e questo non è un Governo; questi sono un tentativo contro. Il Ministro dell’Ambiente che vuole gli OGM: quindi Ministro contro l’ambiente. Il Ministro del Lavoro contro i lavoratori: quindi Ministro contro il Lavoro. Il Ministro per lo sviluppo economico che, stando al Governo e seguendone la linea di abbassare salari e pensioni, crea recessione: quindi Ministro contro lo sviluppo economico.
    Un piano ben studiato in tacito accordo con Confindustria, Finanza e destra internazionale per togliere diritti ai lavoratori e ridurli a schiavi sudditi.
    Un esempio? Ieri sera sono uscito con un mio amico insegnante che, avendo maturato diritto a pensione con le vecchie regole, ovvero quelle non colpite forse incostituzionalmente, ha chiesto la pensione: è riuscito a sfuggire alla mannaia del contributivo: di circa 1800 e rotti euro ne percepirà 1700 circa. Se non fosse andato in pensione e, quindi, dal 2012 in poi gli sarebbe stato applicato il contributivo, sapete di quanto gli sarebbe calasto – avete letto bene, calato non aumentato – ogni mese l’importo della sua futura pensione? Mi ha detto che si tratta di 10 euro di pensione al mese: 120 euro l’anno. Cioè, se si fosse trattenuto, che so, cinque anni in più al lavoro, la sua pensione, di 1700 euro, dato che lo stipendio per gli statali è bloccato, sarebbe calata di 120 euro l’anno per cinque anni, uguale: 600 euro. Ovvero, lavorando cinque anni in più, per effetto del contributivo che avrebbe eroso il suo retributivo, se la matematica non è una opinione e se ho avuto notizie precise, la sua pensione sarebbe stata di 1100 euro invece di 1700 euro.
    Questa somiglia più a una riforma o a una trappola?
    Bene, ovvero male: pensate a quanti, contrariamente a lui, non possono ancora andare in pensione per l’innalzamento del limite di età pensionabile e che sono a retributivo o misto. Che ne sarà di loro, della loro pensione, dei loro programmi di vita e della loro vita?
    Stanno facendo una rivoluzione all’incontrario. Stanno distruggendo lo stato sociale, e lo Stato: perché io dubito che tale modo di governare possa essere considerato fedele allo Stato; non lo è certamente verso i cittadini, che sono il motivo per cui esiste lo Stato.

  6. Giuseppe
    2 aprile 2012 at 08:56

    In merito alla mia precedente relativa al calo delle pensioni retributive per effetto del contributivo, per chi si ferma la lavoro dal 2012, non riesco a capacitarmi. C’è qualche esperto che sappia spiegarmi se effettivamente le cose stanno come mi è stato riferito oppure se quanto da me esposto è dovuto a mia errata informazione?
    Perché la cosa mi sembra effettivamente incredibile.
    Grazie se qualcuno potrà chiarire l’argomento: Spero di essermi sbagliato.

  7. titti
    18 aprile 2012 at 10:56
  8. Giuseppe
    18 aprile 2012 at 11:07

    In Germania si guadagna il doppio e i prezzi sono la metà, la Germania è come un padre di famiglia che, soffrendo di nervi (la paura dell’inflazione), costringe tutti i suoi familiari sani a prendere psicofarmaci; col risultato che, quando lui è guarito, tutti i suoi familiari si sono ammalati. Il succo è che la Germania dà agli altri Paesi d’europa ricette che lei non applica, dato che è l’unico Paese che ancora non ha recessione e ha uno Stato sociale migliore di quello che a noi stanno togliendo chiamandolo “privilegi” o “interessi particolari di categorie particolari”. E noi saremmo quelli che hanno fatto il passo più lungo della gamba, il Paese del bengodi? I nostri prezzi sono il doppio, guadagniamo la metà, lavoriamo di più e male, abbiamo l’età pensionabile più alta del mondo, nessuno stato sociale a fronte delle imposte e dei versamenti contributivi e per la Sanità più alti del Mondo, ci stiamo cinesizzando come legislazione del lavoro…
    Non è che qualcuno rischia di distruggere non solo lo stato sociale ma, parlando di una crisi,e di un baratro peraltro ancora non dimostrato, addirittura lo Stato stesso? Perlomeno il risultato è questo: ormai la fiducia verso lo Stato dei cittadini è notevolmente calata, dato che non sembrano più esserci diritti acquisiti che vengono tolti d’arbitrio a colpi di decreti legge e fiducia, esautorando di fatto il Parlamento. Il risultato è che, esautorato anche lo Stato, avrà mano libera l’imprenditoria privata e le leggi di mercato che avranno più valore della democrazia. Il risultato è che la Germania, usando la scarsa intelligenza dei nostri rappresentanti, sta risucchiando le energie degli altri Paesi per rinforzarsi sempre più . E i nostri rappresentanti, se così possiamo chiamarli, assecondano, togliendo sangue ai loro figli per rimpolpare i tedeschi. Bel modo di concepire lo Stato unico Europa: guerra fredda e sotterranea del più forte contro i più deboli e mal rappresentati.
    Se continua così Monti innescherà un circolo vizioso di aziende che chiudono e licenziano perché nessuno ha soldi per comprare, aumenteranno ancora di più i disoccupati e ancor più aziende chiuderanno e così via, in una sempre più veloce recessione.
    E chi se ne avvantaggerà sui mercati solo falsamente uniti d’Europa? La Germania, che continua a produrre e prosperare e esportare.
    Direi anche che sarebbe bene cambiare radicalmente modello di sviluppo, io sarei addirittura per statalizzare tutto vietando l’imprenditoria privata, e cambiare le produzioni, passando a ciò che serve, energie alternative, agricoltura di nicchia, turismo eco compatibile e che rispetti le peculiarità di ogni zona invece di omologare tutte le zone al gigantesco fast food che sta avvilendo e assimilando tutte le, una volta, più belle zone del Mondo, ecc., e eliminando la solita paccottiglia inutile e dannosa che ancora appesta la Tv con la sua pubblicità, auto, cellulari, e quant’altro di inutile. Occorrerebbe anche un coordinamento globale dei sindacati con azioni e strategie globalizzate.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 9 = 15

Ultimi Articoli

Chiedo giustizia per mia sorella uccisa
La rovina del #M5S sono i capetti de noantri

La rovina del #M5S sono i capetti de noantri

giugno 14th, 2014

Ha ragione @beppe_grillo i #verdi europei sono come una fetta d'anguria: verdi fuori e rossi dentro.[...]

Sconforto piddino per la caduta di Livorno

Sconforto piddino per la caduta di Livorno

giugno 9th, 2014

Sconforto piddino per la caduta di Livorno[...]

Lo giuro solennemente!

Lo giuro solennemente!

giugno 5th, 2014

NON è INDISPENSABILE, FORSE, VOTARE PER M5S, IO STESSO QUANDO VOTO HO I MIEI DUBBI SACROSANTI, MA NO[...]

Sapete che c’è? Non è il M5S a stufare, ma i suoi elettori.

Sapete che c'è? Non è il M5S a stufare, ma i suoi elettori.

maggio 29th, 2014

Sapete che vi dico, pupazzi? Ma annatevene al bar all'angolo a fare, tutti, i CT della nazionale di [...]

Europee: Pd 6 Italia 0, cappotto

Europee: Pd 6 Italia 0, cappotto

maggio 26th, 2014

Ha vinto l'Italia della Repubblica, dell'Unità, di Debenedetti, degli Zucconi, dei Lerner, delle con[...]

Diretta streaming da piazza San Giovanni – Roma #VinciamoNoiTour 23/05/2014

Diretta streaming da piazza San Giovanni - Roma #VinciamoNoiTour 23/05/2014

maggio 23rd, 2014

Diretta streaming da piazza San Giovanni - Roma #VinciamoNoiTour 23/05/2014[...]

Elezioni europee, sbagliare è umano, essere deficienti no!

Elezioni europee, sbagliare è umano, essere deficienti no!

maggio 22nd, 2014

Sarò semplicemente uno dei milioni di cittadini extraparlamentari, incazzati, molto incazzati, con t[...]

Grillo da Vespa non mi ha entusiasmato, ma M5S rimane l’unico da votare

Grillo da Vespa non mi ha entusiasmato, ma M5S rimane l'unico da votare

maggio 20th, 2014

Ma non voterò ancora M5S perché desidero un uomo dei miracoli che sia ottimo in ogni occasione, no, [...]

Ebbene, faccio outing per il M5S (a sua insaputa).

Ebbene, faccio outing per il M5S (a sua insaputa).

maggio 16th, 2014

Sono d'accordo con loro. E a queste persone coraggiose dedico l'immagine che segue perché ognuno ha [...]

Ho visto! Piddini applaudire con le lacrime agli occhi Renzi e gridare “ANCORA!”

Ho visto! Piddini applaudire con le lacrime agli occhi Renzi e gridare "ANCORA!"

maggio 7th, 2014

Ho visto piddini che si prendono 20/30.000 € al mese e anche 100.000 umiliare i lavoratori a 1000€ a[...]

1° maggio (festa del lavoro) vietato dire è meglio lavoro per chi non ce l’ha che 80€

1° maggio (festa del lavoro) vietato dire è meglio lavoro per chi non ce l'ha che 80€

maggio 2nd, 2014

Volevo parlare anche delle reazioni del Pd, dei renziani soprattutto e della Picierno che se ne è us[...]

Il Pd ormai si propone come guardiano e garante del sistema

Il Pd ormai si propone come guardiano e garante del sistema

aprile 29th, 2014

E' il sistema della prepotenza, il sistema che divide la società tra furbacchioni e plebe. E coloro [...]

M5S non sarà panacea di tutti i mali, ma partitocrazia è tutti i mali

M5S non sarà panacea di tutti i mali, ma partitocrazia è tutti i mali

aprile 27th, 2014

... Quindi non c'è scelta. Anche stavolta non ho nessun dubbio per chi votare, ci mancherebbe altro.[...]

La piazza di Formigli di pulito ha solo il titolo

La piazza di Formigli di pulito ha solo il titolo

aprile 15th, 2014

Tralascio di parlare degli altri ospiti della trasmissione Piazza Pulita del Formigli, come Scalfaro[...]

Libri: Il Cronista

Libri: Il Cronista

aprile 11th, 2014

In questo saggio di Gaetano Rizza scritto in modo impeccabile e con un ritmo tale da non far staccar[...]

Pina Picierno: anche i TROLL vanno in tv

Pina Picierno: anche i TROLL vanno in tv

aprile 7th, 2014

Mi direte... allora ben vengano i TROLL anche in tv. No! I TROLL già non li sopporto nei Social, fig[...]

Cosa può esserci di peggio di quello che abbiamo?

Cosa può esserci di peggio di quello che abbiamo?

aprile 1st, 2014

Quindi ripeto la domanda del titolo: "Cosa può esserci di peggio di quello che abbiamo?" Il Moviment[...]

M5S tra Front National e lista Tsipras

M5S tra Front National e lista Tsipras

marzo 25th, 2014

Ma Italiani non ancora pronti per questi discorsi, a loro continuate a dargli da mangiare COMUNISTI,[...]

Renzi fa l’aumento in busta a elettori Pd

Renzi fa l'aumento in busta a elettori Pd

marzo 17th, 2014

Ma non basta, l'asino casca ancora, perché neppure i co.co.co o come si chiamino.. forse qui.pro.quo[...]

In Primo Piano

Dai diritti acquisiti ai diritti scippati Dai diritti acquisiti ai diritti scippati

Dai diritti acquisiti ai diritti scippati. E io potevo permettermi, quindi, di pensare di pretendere qualcosa in più dalla società che non fossero solo diritti, per esempio un’Etica.
Un’Etica che oggi siamo costretti a non ricercare più (se non richiamarsi ognuno alla propria)

Riflettore

Ma è così strano passare da An a M5S? Ma è così strano passare da An a M5S?

Ma è così strano passare da An a M5S? Dirò di più: il mio sostegno, oggi, al M5S lo considero una naturale prosecuzione della mia antica militanza ad Alleanza Nazionale, l’An che credevo più pulita di tutti gli altri partiti.

Il Punto

La parabola dei fottitori e dei fottuti La parabola dei fottitori e dei fottuti

Cultura

IL CRONISTA

IL CRONISTA

Guarda il video su Youtube “IL CRONISTA” è autore anche: dei seguenti siti: – GENTE IN MOTO – Il Poeta di Genova – Genova Musica e delle seguenti canzoni:

Articoli per mese

Ricevi le News

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner


E’ uscito “IL CRONISTA” il libro di Gaetano Rizza


Il libro è un rifacimento del primo libro dell'Autore (La sinistra ce l'ha piccolo, il leader), riprende infatti tutto il libro precedente con l'aggiunta dei capitoli più attuali che arrivano alla fine del governo di centro-destra e l'inizio del governo Monti.
Il libro si potra acquistare in tutte le librerie e in tutte le maggiori librerie online.
Qui un link per poterlo acquistare online.

PREFAZIONE

Cinquecento pagine di storia del mondo, dal governo Prodi al governo Monti, passando per Berlusconi e la crisi economica.
“Un’epopea” scritta da un cronista del mondo, con amarezza, rabbia e ironia, partendo da destra per poi, alla fine, cimentarsi in un rischioso sorpasso a sinistra della sinistra stessa, senza perdere mai di vista il traguardo finale: la dignità dell’uomo, a prescindere.
La Costituzione italiana, secondo l’Autore, dovrebbe iniziare con le parole: “L’Italia è una Repubblica fondata sulla dignità dei lavoratori”.
Ma questa idea della società - secondo la classe dirigenziale italiana, mondiale e inconcepibilmente anche, ormai, secondo la gente comune – pare essere un optional che non può appartenere alle civiltà, nel terzo millennio dell’era cristiana.

Diventa un Sostenitore di IL CRONISTA