‘Marchionne li ha licenziati perchè sindacalisti’


La vicenda dei due dipendenti della Fiat licenziati da Marchionne – che invece sono stati reintegrati dal giudice, ma che il reuccio delle automobili preferisce stipendiare senza farli lavorare (che è il massimo dell’umiliazione che un padrone possa infliggere ai suoi dipendenti) – oggi vede la conclusione con la pubblicazione della sentenza: “La Fiat ha licenziato i due dipendenti perchè sono sindacalisti e si opponevano (immagino lecitamente altrimenti sarebbero in galera) alle scelte antisindacali dell’Azienda”.
Anche questo blog, dal suo piccolo, si è opposto con vari articoli contro i referendum di Marchionne fatti per ricattare i dipendenti e la dignità del cittadino comune.
Ricordiamo che, con tutto ciò, il reuccio delle automobili, non li fa avvicinare al posto di lavoro.
Marchionne ha l’appoggio del Pdl, del terzo polo, nonchè di buona parte del Pd che, peraltro si stanno battendo accanitamente al fianco della Fornero per l’abolizione/modifica dell’art. 18 dello statuto dei lavoratori.
Io sono sempre stato molto critico nei confronti dei sindacati, e anche in una mia recente vicenda che mi ha portato alla fuoriuscita dal mio posto di lavoro perchè anziano d’età, anche se non ancora completamente (non per colpa mia) anziano di contributi pensionistici, i sindacati non si sono comportati bene, curando solo gli interessi degli iscritti alla Cgil e non di quelli come me.
Ma sono comunque contro chi vuole trattare i dipendenti, i cittadini comuni, i nostri pensionandi, i nostri vecchi pensionati, le nostre mamme, mogli e sorelle, come carne da macello dalla quale succhiare il sangue all’occorrenza per poter continuare a mantenere i propri privilegi.
Quindi da ex elettore del Pdl oggi sono Contro Monti, Fornero, Pdl, Pd, Marchionne, Marcegaglia.
Di conseguenza in questa lotta sto con la Lega, con l’Idv, con Sel, con Diliberto e Ferrero.
Mi dispiace per il Pdl, ma “Chi è causa del suo mal, pianga se stesso”.
IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a ‘Marchionne li ha licenziati perchè sindacalisti’

  1. Massimo scrive:

    Noi non eravamo in fabbrica e non possiamo sapere come sono andati i fatti. Credo che così ognuno risponda in base alle proprie personali convinzioni. Me se fosse vero che quei sindacalisti hanno ostacolato il lavoro di chi non aderiva allo sciopero, ha sbagliato il giudice a reintegrarli, perchè non è così che si svolge l’attività sindacale. E poi mi risultava essercene anche un terzo, non sindacalista …

  2. IL CRONISTA scrive:

    Se quei sindacalisti ostacolavano il referendum che chiedeva se andare avanti o tornare all’Ottocento nei rapporti “padrone” dipendenti, facevano bene ad ostacolarlo ;P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*