Monti, garzone delle caste, coltiva margherite

Ciò vuol dire che gli spaghetti al caviale, i viaggi nelle isole del sole con annessa parentela, le ville lussuose e tutte quelle belle cose, i custodi di quel bel fiorellino, ormai anche appassito, soppiantato da altri partiti che altrettanto prendono i nostri soldi per scopi altrettanto nobili, se li *sarebbero* (condizionale) pappati tutti, compreso il marito della Palombella, quella che sta in tutte le trasmissioni in cui si parla di delitti e malefatte.
Share: Condividi
Condividi


Ascolta articolo su YouTube:
La favola della bella margheritina di campo che si era ritrovata ereditiera di una barcata di milioni (venti o trenta, pare), inconsapevolmente – perchè così va di moda nella seconda repubblica nella quale ci si trova proprietari di appartamenti nel centro di Roma, con vista Colosseo, pagati da altri senza saperlo – sembrerebbe destinata a finire, come era prevedibile, nello squallore più assoluto.
Già! I soldini dei cittadini, che vanno a finire ai partiti senza che i responsabili si preoccupino di sapere quanti siano, se un milione, dieci, venti o trenta; i soldini nostri che i politici si assegnano e poi si rubano tra di loro da perfetti furfanti, briganti, ladri, chiamateli come volete perchè tanto ci azzeccate comunque; i soldini che il senatore pappone a capo del governo, con la sua concubina piangente, ha tolto ai pensionandi, ai pensionati, alle nostre mogli, mamme, sorelle anche facendoci lavorare per più anni – in un Italia con poco lavoro nella quale le aziende sono costrette a chiudere – oltre che togliendoli direttamente dalle nostre tasche in tutti i modi.
Quei bei soldini, avrebbe detto Lusi il tesoriere della margheritina, non se li era sgraffignati spudoratamente solo lui, all’insaputa dei responsabili del fiorellino di campo. Lui era soltanto il garante delle spartizioni. Sempre brigante, ma non da solo.
Ciò vuol dire che gli spaghetti al caviale, i viaggi nelle isole del sole con annessa parentela, le ville lussuose e tutte quelle belle cose, i custodi di quel bel fiorellino, ormai anche appassito, soppiantato da altri partiti che altrettanto prendono i nostri soldi per scopi altrettanto nobili, se li *sarebbero* (condizionale) pappati tutti, compreso il marito della Palombella, quella che sta in tutte le trasmissioni in cui si parla di delitti e malefatte.
Ma tutto questo il garzone delle caste, Monti, che è stato messo lì da tutti quei delinquenti, non lo sa.
… E rompe i coglioni a noi!
SCHIFO!
IL CRONISTA

P.S.
Per evitare querele da parte del capo giardiniere specifico che questo è quello che dicono tutti i giornali, e naturalmente tutti sono innocenti fino ad un eventuale procedimento contro di loro che porti ad una condanna definitiva al terzo grado di giudizio.

Share: Condividi
Condividi
IL CRONISTA

About IL CRONISTA