Ultime dalla Strega e dal Celebratore del Nulla


Carissimi amici, chi legge questo blog spesso è già informato di suo e non aspetta certo che io scriva qualcosa per saper cosa succede. Ma questo non è un giornale di news quanto un blog/giornale di approfondimenti sulle notizie.
Saprete già certamente quello che la Strega delle lacrime ha detto ieri in un’occasione ufficiale, sugli esodati.
Ma mi piace ricordarvelo tanto per farvi incazzare ancora un po’ di più. Perchè incazzarsi da soli, come spesso succede a me, pare brutto…
” GLI ESODATI DAL LAVORO SONO UN COSTO PER LA RIFORMA DEL LAVORO, CERCHIAMO DI FARE QUALCOSA PER 65.000, PER GLI ALTRI POI VEDREMO…!
Questo ha detto la Strega delle Lacrime.
Cioè: gli esodati dal lavoro, per la Strega, sono di troppo, sono qualcosa in più dalla riforma del lavoro da lei concepita…
Ma allora ci domandiamo per chi fa questa riforma del lavoro se non per i lavoratori?
E i lavoratori, pensionandi, pensionati, madri famiglia a cui è stata aumentata l’età pensionabile di punto in bianco mentre venivano licenziati… come cazzo mangiamo?
Ma evidentemente questo non è un problema della Strega delle Lacrime, nè della riforma del lavoro di cui si sta occupando.

Altra novità, ma questa riguarda il nostro amatissimo presidente Celebratore del Nulla.
I cittadini tutti, stiamo chiedendo con ogni mezzo, non ultimo Twitter che ha fatto sentire la sua voce anche nei Tg, di non fare parate e festeggiamenti per il 2 Giugno e piuttosto dare quei milioni di euro ai terremotati dell’Emilia. Ma lui risponde che non è possibile perchè l’Italia non può rinunciare a queta ricorrenza e le spese per i preparativi dei festeggiamenti sono già in parte state fatte.
Allora ci domandiamo, vabbè, il terremoto in Emilia non potevi prevederlo e non potevi metterlo nel conto… Ma del terremoto dell’Aquila ne avevi sentito parlare? E degli esodati, rottamati, condannati al suicidio da voi porci che sedete sulle poltrone di velluto rosso, ne avevi sentito parlare?
E allora perchè non destinare milioni di euro a queste cose, piuttosto che sperperarli in parate alle quali tu presenzierai col petto gonfio per fare vedere l’orgoglio di un’Italia che non ha motivo per orgogli di nessun tipo?.

STREGA DELLE LACRIME E CELEBRATORE DEL NULLA! I CITTADINI VI MANDANO NELL’UNICO POSTO NEL QUALE POTETE ANDARE SENZA FARVI MALE!
A CAGARE!

IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

14 risposte a Ultime dalla Strega e dal Celebratore del Nulla

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Le parate sono fatte da militari che sono GIA’ pagati tutti i mesi essendo dipendenti dello Stato, non da mercenari assunti per l’occasione. I costi sono inesistenti in quanto GIA’ coperti.
    Forse si potrebbero evitare le tangenti e spese che sicuramente qualche politico acchiapperà per l’occasione (affitto transenne?… diaria per trasferta?) ma questo è un altro discorso.

    Le nostre Forze Armate sono forse l’unica Istituzione da rispettare, sia per i sacrifici che ci hanno regalato nel passato, sia per quello che fanno ancora oggi.
    Ritengo che non essere orgogliosi del nostro Esercito e non manifestargli affetto non solo è poco generoso, ma anche profondamente ingiusto.

    Poi, non è che i terremoti smettono di flagellare l’Emilia perchè non fai marciare la Fanteria… potrebbe invece essere il caso di far provare un moto di orgoglio ai terremotati che vedono il LORO esercito marciare anche per LORO.

    I Radicali, Di Pietro & Co. dicano quello che vogliono. Mi piacerebbe solo che, se è vero che possono dire qualunque stupidaggine, si rendessero conto che migliaia di soldati sono morti [anche] perchè sia salvo il loro diritto a dire delle cretinate.

    Sono la persona più mite di questo mondo, odio la guerra, ma ho sempre considerato degli imbecilli quelli che predicano il disarmo unilaterale*, e per pura combinazione ora gli stessi voglioni abolire la parata del 2 giugno…

    * la guerra è una cosa che non bisogna mai fare, ma se si è costretti a farla bisogna vincerla.

    p.s.: avendo mandato affanculo Di Pietro e Radicali, non vorrei perdere l’occasione di mandarci anche Napolitano, Monti e Fornero. Non si sa mai.

  2. IL CRONISTA scrive:

    Nessuno nel post ha predicato un disarmo unilaterale, ma potrebbe essere un’idea per un fututo post.
    I militari fanno le guerre che vogliono i vari Mussolini, Hitler, Sarkozy, Obama, e che non vogliamo certo noi.
    I militari in un momento come questo in cui l’Italia non può avere nessun motivo d’orgoglio, ma soprattutto con i lavoratori ridotti con le pezze al culo, non così il presidente e tutti i suoi soci, se andassero a dare una mano ai terremotati sarebbero più contenti che sfilare in una parata inutile, voluta da chi ci sta affamando e pensa solo alle proprie poltrone.
    Poi è giusto che ognuno abbia le proprie idee e che le manifesti, ci mancherebbe altro.. anche se sono le stesse idee del Napoletano bollito 😉
    P. S.
    Le parate militari costano milioni di euro senza contare gli stipendi dei militari… #sapevatelo 😉

  3. Massimo scrive:

    Se non per risparmiare (probabilmente costi limitati solo di carburante e ghirigori vari) almeno per rispettare il dolore di chi non ha nulla da festeggiare. Poi cosa si festeggia ? Una repubblica nata dai brogli del 1946 e fondata sul commissariamento della democrazia ?

  4. Gert dal Pozzo scrive:

    Cari amici, la genericità della negatività è un comportamento nichilista che, non solo non porta ad alcun beneficio, ma può generare situazioni ambientali in cui, magari inconsapevolmente, il popolo si lascia schiavizzare.

    Noi Italiani abbiamo bisogno di buone Istituzioni; dobbiamo incazzarci contro chi le corrompe, non contro le Istituzioni in quanto tali.

    Massimo, prova a pensarci con la Monarchia… hai presente quanto è corrotto Vittorio Emanuele? e quel fighetto di Emanuele Filiberto dove lo mettiamo?(A parte nell’UDC naturalmente).

    Meglio, molto meglio la Repubblica.
    Siamone orgogliosi e festeggiamola, quanto meno renderemo omaggio a centinaia di migliaia di morti.

  5. Gert dal Pozzo scrive:

    Caro cronista, mi era sfuggita una domanda che faccio sempre a quelli che parlano di disarmo unilaterale: che lingua parleresti oggi se non fossero venuti gli Americani a morire in Europa, russo o tedesco?
    Beh, sappi che quegli Americani erano soldati, fortunatamente ben armati.

  6. Gert dal Pozzo scrive:

    un pezzo alla volta…
    “Nessuno nel post ha predicato un disarmo unilaterale…”

    infatti era chiaro che mi riferivo ai radicali, non a te

  7. IL CRONISTA scrive:

    Masimo, ogni tanto siamo ancora d’accordo 😉

  8. IL CRONISTA scrive:

    Massimo, ogni tanto siamo ancora d’accordo 😉

  9. IL CRONISTA scrive:

    Gert:
    “Noi Italiani abbiamo bisogno di buone Istituzioni; dobbiamo incazzarci contro chi le corrompe, non contro le Istituzioni in quanto tali.”

    Purtroppo abbiamo a che fare con le istituzioni in quanto tali e quali a come sono ora..

    “Meglio, molto meglio la Repubblica.
    Siamone orgogliosi e festeggiamola, quanto meno renderemo omaggio a centinaia di migliaia di morti.”

    La repubblica delle trote delle margherite delle Minetti, delle Fornero? La repubblica che si fa i fatti suoi e manda i lavoratori al suicidio con i provvedimenti che gli prende contro?
    No! Non la rispetto così com’è! Ma quando sarà come la voglio io!

    “che lingua parleresti oggi se non fossero venuti gli Americani a morire in Europa, russo o tedesco?”

    Se vai al mio vecchio blog, qui: http://www.gemublogs.altervista.org/b2evolution/blogs/ troverai centinaia di post in cui sostengo questa tua tesi…

    “infatti era chiaro che mi riferivo ai radicali, non a te”

    Presto potresti riferirti anche a me 😉

    Ma vedo che hai saltato a piè pari la mia prima risposta al tuo commento.
    D’altra parte sono argomenti che ho trattato per anni nel vecchio blog e ancora prima nei forum, anche se devo dire che il mio punto di vista negli ultimi anni, e soprattutto mesi, si è quasi capovolto 😉

  10. Gert dal Pozzo scrive:

    “Massimo, ogni tanto siamo ancora d’accordo ;)”

    belin, siamo in tre… indovina un pò chi è in minoranza?

  11. Gert dal Pozzo scrive:

    “Ma vedo che hai saltato a piè pari la mia prima risposta al tuo commento.”

    Non sia mai detto. Qual è… questa? “I militari fanno le guerre che vogliono i vari Mussolini, Hitler, Sarkozy, Obama, e che non vogliamo certo noi.”…

    Era troppo facile.

    Quei tizi, tutti, sono stati eletti dal popolo, cioè da noi.
    I peggiori da un popolo che non crede nelle Istituzioni e si affida ad un dittatore.

  12. Gert dal Pozzo scrive:

    “Non la rispetto così com’è! Ma quando sarà come la voglio io!”

    Appunto! Ti devi incazzare con chi la rovina, non con la Repubblica in quanto tale!

  13. Carmen scrive:

    Il pratica la vecchia strega ha detto che gli esodati se si tolgono la vita e dalle palle fanno un favore allo Stato. Ma tutti i soldi che questa gente ha pagato tutti i mesi per 40anni dove cacchio sono? se li sono mangiati ed ora trattano questa gente come un peso che non sanno come togliersi dalle palle? Ma perchè non ci fanno tutti quanti il santissimo favore di ammazzarsi tutti loro così gli Italiani hanno davvero qualcosa da festeggiare il 2 Giugno? Schifosi parassiti!!!

  14. IL CRONISTA scrive:

    Sì, cara Carmen, ha detto proprio così, che gli esodati dal lavoro sono un costo per la riforma del lavoro, e quindi se si tolgono dai piedi, magari in silenzio, le facciamo un grosso favore. GRAN PEZZO DI MMERDA 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*