Polillo: ‘Italiani troppe ferie!’


Vi giuro che ho incrociato io stesso questi tweet, dei quali vi faccio il copiaincolla nel quale il sottosegretario all’economia Polillo ha espresso il suo pensiero sulle ferie degli Italiani:

“Gianfranco Polillo ‏@polillog
Se per i lavoratori dipendenti tre mesi di ferie l’anno in media vi sembran pochi #polillo

Gianfranco Polillo‏ @polillog
Basta piagnistei l’alternativa e’ tra l’ulteriore riduzione dei consumi o lavorare tutti un po’ di piu’ #polillo”

Naturalmente non mi sono potuto trattenere dal rispondergli dove cazzo li avesse visti i tre mesi di ferie in media degli Italiani, quando io, al colmo dell’anzianità di servizio ero arrivato ad averne cinque settimane.
Ma potete leggere il Polillo pensiero nel sito del Fatto Quotidiano, qui.
A meno che come ferie non intenda anche i giorni di Natale o di Pasqua, che comunque non ci fanno arrivare ai tre mesi da lui denunciati, e magari può sempre suggerire alla Nana Bastarda di togliere ai lavoratori anche le tradizioni millenarie.
A meno che, ancora, dicendo “tre mesi in media” non intenda la media, appunto, di quelle che facciamo noi lavoratori con quelle che fanno lor signori parassiti..
Insomma, fatto sta, che i componenti di questo governo mantenuto invita da ABC non hanno niente non solo di umano, ma neppure di terrestre.
Comunque per il benemerito del governo, questa soluzione che lui suggerisce alla Nana Bastarda servirebbe a tirare su il Pil di un punto.
Dimostrazione che questi elementi, che sarebbe stato meglio perderli che trovarli, usano un bilancino per fare quadrare i conti, che non tiene il minimo conto della PERSONA UMANA, ma tende invece a considerarci come dei ROBOT al loro servizio, utili solo a far quadrare i loro conti bancari personali.
BASTARDI!
Ma la rivoluzione va avanti!
E se non riusciremo a completarla con le elezioni politiche, alle buone, passeremo a soluzioni alternative, meno indolori.
Fanculo a tutti loro, all’Europa politica come concepita da questi incapaci, alla Culona figliastra di Adolf, e a tutti i suoi maggiordomi del cazzo.
IL CRONISTA

Espandi Risposta
Retweet

Preferiti

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a Polillo: ‘Italiani troppe ferie!’

  1. alberto scrive:

    ma questo ci sta’ con la crapa ?
    gli italiani sarebbero ben contenti di potere lavorare se questo ci fosse.

  2. Gert dal Pozzo scrive:

    Grande Polillo!

    Con una mossa azzeccatissima è riuscito a superare Monti ed arrivare alle spalle della Fornero, che ora sente il suo fiato sul collo.

    Che tensione, che suspence; come andrà a finire?

    Il campionato “Chi spara più cazzate stando al governo” è ancora lungo, ne vedremo delle belle!

  3. Carmen scrive:

    Mi chiedo con quale faccia tosta parlano proprio loro che vivono da parassiti sulle spalle di chi sgobba tutto il santo giorno. Ma veramente questa gente non ha il pudore di pensare che i loro lauti stipendi persi li paghiamo noi? Ma sanno cosa vuol dire aspettare il venerdi trascinando le gambe per la stanchezza della settimana che non finisce mai? ignobili parassiti come vorrei farvi fare la fame, voi le le vostre ben protette e viziate famiglie!!!! che schifo di gente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*