Si starnazza come galline in libera uscita

Puoi visualizzare video anche su YouTube
E’ vergognoso constatare come i media di regime italiani facciano di tutto per ignorare le proteste che stanno scoppiando numerose nei Paesi PIGS (tutti tranne l’Italia) nei confronti delle regole di austerità imposte dalle banche e dalle caste che gli girano intorno.
Questi, per esempio, sono giorni di grande protesta in Spagna. Ieri scontri con feriti davanti al parlamento perchè una grande folla chiedeva le dimissioni del governo.
In italia di questo se ne è parlato solo in tarda serata con brevi e distratti flash, mentre su Twitter noi avevamo le notizie in diretta direttamente dalla piazza spagnola. Questo a dimostrazione di quanto ormai i media tradizionali siano obsoleti, sia per quanto riguarda l’immediatezza delle notizie, sia per quanto riguarda il servilismo col quale discernono le notizie da somministrarci.
Fatto è che molti di noi – ormai è diventato lo sport più comune tra gli insoddisfatti di questo regime – chiamiamo, sollecitiamo, una rivolta popolare, una rivoluzione, un colpo di stato (naturalmente standocene comodamente seduti nelle nostre poltroncine a digitare sulle tastiere).
Anche noi di questo giornal-blog, dobbiamo dire la verità, ci esibiamo in questo sport… Ma devo dire che lo facciamo in modo più responsabile…
Perché…
Perché è vero che cerchiamo in continuazione di risvegliare le coscienze rattrappite degli Italiani incitandoli a reagire.. non c’è dubbio…
Ma lo facciamo in modo responsabile.
Vi spiego.
Mi piacerebbe una bella rivoluzione alla francese, e chi mi conosce sa che sono anni che perseguo questo sogno; ma, e qui viene il ma.. una rivoluzione seria deve essere organizzata. Non si può improvvisare.
Infatti chi la dovrebbe fare questa rivoluzione? La destra, la sinistra (ammesso che queste categorie siano ancora valide), il popolo tutto? Ok!
Con quali obbiettivi, considerato che ogni Italiano oltre ad essere un CT della nazionale di calcio vorrebbe anche essere a capo di un suo proprio partito rivoluzionario?
Fin qui credo che mi seguiate, giusto?
Per una rivoluzione che riesce quante rivoluzioni represse o non espresse?
Ecco! Qui noi ci distinguiamo dai capipopolo improvvisati.
Noi vogliamo manifestare tutto il malcontento che c’è nel popolo italiano, certo!
Magari andando tutti a Roma a chiedere con forza che se ne vadano metà parlamentari, consiglieri, assessori, consulenti etc dai Palazzi, come stiamo chiedendo qui: “A Roma a prenderci la democrazia”, e non andarcene da Roma fin quando i parlamentari in più non escano ad uno a uno, magari selezionandoli in ordine alfabetico, una lettera sì e una no (per dire).
Magari chiedendo anche, nello stesso tempo, che a quelli rimasti gli si decimino gli stipendi, e magari chiedendo anche e pretendendo che sia rispettato il referendum col quale avevamo chiesto l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti (raggirato con una nuova legge che ha cambiato il nome del finanziamento pubblico ai partiti in “Rimborsi elettorali”).
E poi, ottenuto questo, chiedere ed ottenere immediatamente le elezioni politiche in modo che democraticamente ognuno possa esprimere la propria opinione sulla “Rivoluzione” che preferisce.
Perchè, correggetemi se sbaglio, una rivoluzione non ha il diritto di prevalere sulle altre. Se sbaglio ditelo.
Quindi, cari amici, il mio modesto consiglio è questo: fate a meno di twitteggiare starnazzando come galline in libera uscita.
Facciamo una cosa seria: 1° mandiamo a casa, con forza (senza violenza), senza debolezze, metà di quella gente, dai parlamentari all’ultimo consigliere di municipio, 2° decimiamo loro gli stipendi etc, 3° eliminiamogli i rimborsi elettorali, 4° prendiamoci le elezioni.
Dopo di che si voti democraticamente pensando che nessuno di noi può imporre la propria idea di rivoluzione a tutti gli altri.
In ogni modo, sappiatelo, il mio voto andrà alla rivoluzione culturale che è già in atto: quella che ha già dato, anche col mio contributo, una sberla in faccia alla partitocrazia nelle elezioni amministrative di pochi mesi fa.
… Quella che ha come obbiettivo finale, la centralità, e quindi la dignità, del cittadino.
Via i parassiti che infestano la società!

IL CRONISTA
VOTA Sì O NO A QUESTA MANIFESTAZIONE, E MOTIVA!

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a Si starnazza come galline in libera uscita

  1. Fabio scrive:

    Il tuo ragionamento è corretto e lo condivido. sino a quando staremo comodi nelle nostre poltrone a lamentarci on cambierà mai un cazzo

  2. Maria GRAZIA scrive:

    Mia mamma diceva sempre. lasagalafa a lìitalian,finchè a ghim i scrocc,andem semper a gamb per aria.Lasciala fare all’italiani,finchè ci saranno gli scrocconi,andremo sempre a gambe per aria. Aveva ragioneE in questo periodo di scrocconi ne abbiamo. Proteste? Figurati, solo capaci di lamentarci, e poi fare ognuno i propri comodi. Una bella rivoluzione.Rifare l’Italia ma rifare gli Italiani

  3. pierluigi scrive:

    Caro Gaetano, quello che scrivi tu è condiviso dalla maggior parte degli italiani, specialmente in questa situazione congiunturale (disoccupazione e privilegi della casta) ed i 4 punti che tu enunci sono solo un inizio di un + largo disegno della ristrutturazione del sistema politico italiano. L’unica arma legale che abbiamo adesso è il voto. ripeto legalmente nn abbiamo altra arma. Sta a noi scegliere bene (?) i nostri rappresentanti. I 4 punti tuoi devono essere decisi e votati dal sistema politico. Mandiamo a casa, decimiamo gli stipendi, eliminiamogli i rimb., prendiamoci le lezioni: come? Con la rivoluzione? in italia ci credo poco, per adesso, puo’ darsi che andando avanti e peggiorando la situazione le piazze si riempiano. Fatta la rivoluzione chi decide? Un governo forte ed autoritario che nn rappresenta certo tutti i cittadini. La dittatura. Io nn ci sto. Noi abbiamo un’arma nelle nostre mani che è internet, social network che danno la possibilità di creare una opinione non da poco. Qualche manifestazione potrebbe essere organizzata (da nn finire come i sindacati che facevano i pullman con i vecchietti) anche a livello provinciale (nn so come si organizzi). Sono convinto invece che un movimento come 5 stelle possa corrispondere alle aspettative che buona parte del paese si aspetta. Io sono uno di quelli che vogliono il cambiamento con l’iphone in mano stando seduto sulla poltrona. Fino a poco tempo fa nn potevo inviare in tempo reale una mia proposta, indignazione, suggerimento. I partiti politici ne tengono conto stai tranquillo. Questa per me è già una rivoluzione. Li teniamo sotto scacco. Per quanto riguarda Monti , i banchieri, la perdita di sovranità, secondo me la cosa è piu’ complessa. Non si puo’ dire mandiamolo a casa. e poi? Sta tentando di fare quello che gli altri governi per 20 anni nn hanno fatto.Non lo assolvo certo per la situazione in cui siamo precipitati, ma la controprova che se fosse continuato Berlusconi come sarebbe andata? Non oso pensarci. La tv anche se addomesticata, i giornali anche se sudditi, oramai cavalcano l’onda dell’indignazione del paese che è sotto gli occhi di tutti e non tenerne conto vuol dire esser ciechi e sordi. Con affetto pierluigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*