E’ l’ora della svolta: imprescindibilità della dignità

Il Video si può vedere anche su Youtube.
Chi segue questo blog sa che da un bel po’ di tempo (per l’esattezza da quando ci si è resi conto sempre e sempre di più della pochezza della classe politica e comunque di tutta la classe dirigente italiana e mondiale – essendo ormai consapevoli che su questa terra noi soli possiamo pensare a noi stessi perchè nessun altro lo fa visto che i nostri delegati politici o sindacalisti che siano pensano soltanto chi alle loro carriere, chi esclusivamente ai propri conti in banca, sottraendo per questo anche risorse economiche che invece dovrebbero servire al nostro sostentamento) ha posto l’accento sulla imprescindibilità della dignità dei lavoratori prima di tutto, dei cittadini comuni in genere e degli Ultimi e dei Dimenticati.
Adesso è l’ora!
Per fare comprendere meglio il nostro pensiero racconteremo ancora un episodio che ci era capitato da ragazzi:
Avevo appena finito l’anno scolastico e mi ero trovato un lavoretto presso un bar vicino a casa mia per poter avere qualche soldo in tasca durante quell’estate.
Inizio a lavorare mettendomi dietro al bancone per dare una mano.
Arriva un cliente, chiede un caffè, il titolare del bar lo prepara e io metto il piattino e il cucchiaino sul banco. E’ il primo piattino che metto sul banco, il titolare in modo sgarbato corregge la posizione del cucchiaino e mi rimprovera a voce alta dicendomi che il cucchiaino non si mette così, ma così..
Siccome ho sempre pensato che ci sono modi e modi per rivolgersi anche a un subalterno e non per forza questi devono essere incivili, gli ho risposto, come mi è proprio da sempre: “La prossima volta se lo mette lei!”
E ho preso la porta e me ne sono andato.
Naturalmente quel signore non avrà avuto alcuna difficoltà a trovare un altro ragazzino disposto a subire la sua maleducazione e ad essere trattato come i bianchi trattavano i “negri” fino a non molto tempo fa.
Questo per dire che non c’è sindacato che tenga: se uno è schiavo, è schiavo e basta.
Naturalmente questa mia visione dei rapporti tra principale e dipendente non mi ha portato a grandi carriere, ma solo a una vita di lavoro dignitosa.
E mi ha anche portato a un prepensionamento (poi post-datato) che mi fa vivere per un certo periodo nel limbo dei senza stipendio e senza pensione.
Infatti se avessi accettato (vista la crisi dell’azienda in cui lavoravo provocata da scelte palesemente sbagliate della direzione) una riduzione di stipendio alla stregua di un ragazzo in cerca di lavoro (alla mia età e con la mia esperienza) – di fare regolarmente straordinario non pagato per permettere al titolare un’auto di lusso in più in mezzo alle altre, se avessi accettato di lavorare con la testa bassa accettando direttive anche sbagliate da parte di chi non ha la minima idea di come si svolge nel particolare il mio lavoro, sarei ancora dentro l’azienda fino alla naturale scadenza, posticipata dal governo in carica, dei miei anni di lavoro.
Altri hanno accettato il compromesso e sono gli stessi che da ragazzini hanno sostituito un ragazzo che dal datore di lavoro pretendeva l’educazione.
Sono pure gli stessi che hanno votato favorevolmente allo sporco famoso referendum di Marchionne, quello che prometteva mari e monti in cambio di un po’ di diritti acquisiti e dignità in meno.
Tutto questo per dire cosa.. Per dire, ripeto, che è l’ora della svolta.
L’imprescindibilità della dignità è il primo punto per l’essere umano.
Non piegatevi per un pezzo di pane in più o in meno.
Piuttosto fate la fame, ma pretendete sempre rispetto e considerazione.
Non fatevi trattare come i bianchi pensavano di poter trattare i “negri”, perchè è così, pensateci bene..
La parola d’ordine nei confronti dei principali e dei “superiori” deve essere: “Tu senza di noi non sei niente. Quindi rispetto ed educazione altrimenti ti mando affanculo!”
Ce la facciamo a fare questa rivoluzione?
Partiamo noi! Via!

IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a E’ l’ora della svolta: imprescindibilità della dignità

  1. Maria GRAZIA scrive:

    La dignità no è di destra o di sinistra,la dignità deve essere uguale per tutti. Non ho accettato a 19 anni un posto di lavoro all’anagrafe del mio Comune ( parlo di 31 anni fa ) semplicemente x non dover dire grazie a nessuno, e per il semplice motivo, che tenevo alla mia dignità , Questi sindacati e politici sono la feccia della feccia

  2. IL CRONISTA scrive:

    Cara Maria Grazia hai perfettamente ragione. La dignità non dve essere nè di destra nè di sinistra. E’ insita nell’uomo dal momento in cui è concepito. Ma troppi paiono non essere al corrente di questa cosa. Ciao 🙂

  3. Pingback: E’ l’ora della svolta: imprescindibilità della dignità « ictumzone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*