Cercasi bravo tecnico, quasi automa

(Puoi visualizzare il video anche su YouTube)

Il sottosegretario Polillo una volta, molto democraticamente e gentilmente, durante uno scambio su Twitter, mi ha risposto: “A ognuno il suo” intendendo che ognuno di noi due (e in generale comunque) deve fare il suo lavoro: lui quello del tecnico governante, io quello del blogger contro i sistemi adottati per risolvere la crisi che per me è più una crisi morale che economica, anzi, per meglio dire, una crisi anche economica dovuta ai problemi morali di questa Italia di cui gli ultimi ad averne colpa sono i pensionati o quelli messi in un angolo senza stipendio e senza pensione ed anche senza sindacati che li rappresentino (parlo ad esempio di chi per ipotesi lavorava nell’officina all’angolo ed è andato in prepensionamento per la crisi (con pochi soldi per pagarsi ancora i contributi) e si è trovato con un pensionamento posticipato e con “marchette” da pagarsi ancora per chissà quanto, da solo e senza stipendio, perchè credetemi trovare un lavoro a 62 anni è impossibile. Ve lo posso giurare, checchè ne dicano Monti e Fornero dall’alto dei loro posti fissi di senatore a vita e/o quant’altro).
Per me il sottosegretario svolge quindi bene il suo compito: lui “fa il suo” (ovviamente ottimamente retribuito o comunque da pensionato a 20.000€ al mese) e noi facciamo “il nostro” anche se esclusivamente per passione e partecipazione democratica alla vita del Paese.
Ovviamente quando dico che svolge bene il suo lavoro intendo dire che lo fa mettendo da parte qualsiasi sentimentalismo che gliene possa derivare dal fare proposte tipo l’eliminazione delle feste patronali o altre cose del genere.
Mi chiedo, quindi: ma questi tecnici sono davvero così perfetti nel loro ruolo, tanto da apparire automi?
Indipendentemente da tutto ciò, comunque, non riesce ad essermi antipatico e in un certo senso lo ammiro.. non certo dal punto di vista umano…

IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a Cercasi bravo tecnico, quasi automa

  1. Maria GRAZIA scrive:

    Nessuno è perfetto.Penso che le persone convinte di essere perfette,o con la totale padronanza di sè e del mondo,alla fine cascano per terras , Ciao

  2. Pingback: Cercasi bravo tecnico, quasi automa « ictumzone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*