M5S, rendetevi più accessibili!

(Il video è visualizzabile anche su Youtube)
Siete già competitivi, d’accordo, in quanto Movimento raccoglitore della rabbia e la delusione di moltissimi cittadini che piuttosto di votare quei disgraziati di sempre voteranno voi, ok.
Il rischio è, come accade, che la critica al movimento sia troppo facile: “Grillo comico, Grillo demagogo, populista, non si può affidare l’Italia nelle sue mani.
Noi che vi seguiamo sappiamo che in realtà la critica è fuori luogo in quanto il M5S è fatto da cittadini, ognuno con la propria professionalità nel proprio campo. Non per niente il motto è “Uno vale uno”.
Sappiamo anche – e anche quelli che trovano semplice criticare lo sanno – che al movimento stanno aderendo personalità di primo piano della cultura, dell’economia, dell’arte.
Normale che sia così. Infatti come possono persone intelligenti continuare a votare per il vergognoso magnamagna della partitocrazia attuale che si disinteressa del malessere della povera gente per continuare ad ingozzarsi dei soldi tolti a noi per alimentare spropositatamente le loro panze immonde?
Ordunque..
Ordunque è l’ora di essere anche più accessibili… come dire, più affidabili agli occhi dei diffidenti..
E’ l’ora che qualcuna di queste personalità del mondo della cultura, dell’economia, dell’arte etc cominci a metterci la faccia.
Come fa quel certo Professor Becchi, ordinario di Filosofia del Diritto presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova (certo che ‘sti genovesi.. eeeeh?), come fa un certo Oliviero Toscani, come fa una certa Mina Mazzini.. e tanti altri. Ognuno di questi rappresenta solo la punta di un iceberg di aderenti al Movimento.
Il mio modesto suggerimento, quindi, è di coinvolgere sempre di più gente di questo tipo, soprattutto gente del livello del professor Becchi, in modo che possano dare più tranquillità alle persone ancora indecise e mostrare loro che non sono, non siamo, soli nella nostra rivoluzione culturale e soprattutto non siamo degli sprovveduti.
Alla gente serve anche questo.
Anche se noi sappiamo che ognuno di noi appartenenti al mondo della gente comune, messi ai vari livelli a sostituire quelli del magnamagna, ognuno per le proprie competenze, farebbe senz’altro meglio e comunque farebbe senz’altro meno danni perchè amministrerebbe davvero la Cosa Pubblica, e non la “Cosa nostra”.

IL CRONISTA

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

5 risposte a M5S, rendetevi più accessibili!

  1. @wilwal68 scrive:

    Ottimo articolo, Gaetano 🙂 RT IL CRONISTA – Blog @gaetano_rizza

    M5S, rendetevi più accessibili! http://t.co/t67Byph3 … #m5s

  2. Gert dal Pozzo scrive:

    Ben detto, condivido in pieno!

  3. IL CRONISTA scrive:

    Grazie Gert, confesso che pensavo criticassi questo post in quanto anch’io non sono del tutto convinto di quello che ho scritto. Non so quanto quanto sia producente lasciare ruota libera a gente sia pur famosa e seria, certo, ognuno nel proprio campo, che parla però senza un coordinamento generale. Mi dirai.. non devono fare i politici, dovrebbero solo non negare, anzi.. le loro simpatie per questo movimento fatto da cittadini senza casta..
    E’ anche vero questo. 🙂

  4. Marshall scrive:

    Condivido e sottoscrivo. Infatti Monti, per quanto bravo pensa di essere, ha pensato solo alla Spending Rewe diretta al popolo, e non anche, o forse in misura marginale, molto marginale a quella diretta verso gli amministratoori e i legiferatori del popolo. Se la crisi c’è – e come la si sente nel mio condominio, molto popolare, in cui sono diventati molti quelli che non riescono più ad onorare le rate condominiali – ci deve essere per tutti.
    Nonostante quel che ne pensano in molti, comincio anch’io a nutrire simpatie per il M5S.

  5. IL CRONISTA scrive:

    Caro Marshall, mi fa piacere che tu condivida quanto ho scritto e che inizi a pensare a M5S come qualcosa di positivo, comunque positivo se contrapposto al magnamagna della partitocrazia attuale.
    La crisi c’è, e il fatto è che, come dici giustamente tu e come pensiamo noi gente comune, la stiamo pagando solo noi. Oggi Grillo nel suo comizio elettorale a Marsala (con la piazza stracolma di belle facce pulite come nei bei vecchi comizi di quando eravamo giovani noi), ha detto una cosa che pensiamo tutti noi: “Per abbassare lo spread hanno tolto le mutande ai pensionati!” Certo, Grillo è un comico, un demagogo, un populista.. ma come dargli torto se è quello che in effetti è stato fatto?
    Ti ringrazio per questo commento che mi allevia un po’ la sensazione di remare controcorrente. E ti consiglio la lettura di quest’altro post: Ma è così strano passare da An a M5S? al seguente link: http://lebarricate.altervista.org/2012/10/17/ma-e-cosi-strano-passare-da-an-a-m5s/
    Ciao amico 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*