I talebani occidentali e il Serv. San. Naz.


(Il video è visualizzabile anche su YouTube)
Si continua nella serie di cazzate giornaliere dette dai componenti il governo che, intendiamoci, potrebbero essere anche giuste nei loro contenuti, se dette in ambiti accademici, mentre sono assolutamente sbagliate se dette tanto per togliersi dei sassolini dalle scarpe e dette, anche, per dare addosso al popolo bue, come veniamo considerati da Monti, dalla Fornero, da Polillo e soci.
L’ultima che ha suscitato allarme è la dichiarazione di Monti: “Il sistema sanitario pubblico non sarà più sostenibile”.
In questo periodo, a causa del maltempo, è diventato di moda dire “bombe d’acqua” per indicare le precipitazioni abbondanti che colpiscono qualche luogo italiano mettendo in ginocchio la popolazione.
Dovremo coniare, sempre per indicare qualche disgrazia che mette in ginocchio la popolazione, il termine “Bombe di parole” che poi sono seguite immancabilmente da riforme contro i cittadini. Vedi riforma delle pensioni e riforma del lavoro.
Infatti, per esempio, la Fornero ha cominciato la sua battaglia contro i lavoratori dicendo che si doveva iniziare a pensare ad abbattere “certi Totem”. Totem che invece erano fino a quel momento, nient’altro che semplici conquiste della specie umana, acquisite con secoli di battaglie di civiltà.
Bene! Quella dichiarazione della Fornero è stata una vera e propria “bomba di parole” seguita poi dalle sue riforme.
Per rendere meglio l’idea vi voglio ricordare un altro esempio di bombe di parole.
Vi ricordate quando i talebani avevano annunciato che avrebbero abbattuto le gigantesche statue millenarie dei Buddha? Vi ricordate anche, per caso, che qualcuno si sia indignato e abbia cercato di impedire di commettere un delitto simile?
Io no! Non lo ricordo! E le statue millenarie sono state abbattute, con la vigliacca complicità del mondo intero.
Tornando al discorso del sistema sanitario pubblico e della sua insostenibilità dichiarata da Monti, ripeto, dichiarazione plausibile in certi ambienti accademici e in certi ambiti di ricerca e di studi, anche questa è una bomba di parole come quella dei Totem da abbattere e come quella delle statue millenarie dei Buddha da abbattere secondo i talebani.
Stiamo vivendo in un momento in cui la gente è sempre più sfiduciata da tutto l’apparato megagalattico dei Palazzi con i suoi sprechi, con le sue migliaia e migliaia di stipendi e pensioni d’oro, con le sue migliaia e migliaia di mangiatoie, con le sua migliaia di privilegi, anche nel sistema sanitario di certe categorie che prevedono rimborsi e cure non solo per certi deputati e/o amministratori pubblici vari ma anche per i loro parenti e (nel loro caso sì) anche per i o le loro conviventi; i partiti tradizionali stanno perdendo voti a più non posso (a parte il Pd che sguazza imperterrito dando un colpo alla botte = governo e un colpo al cerchio = il malcontento popolare); La gente si rivolge a movimenti di protesta fatti da puri cittadini di buona volontà; nascono pseudomovimenti che poco paiono avere di raccomandabile e che si richiamano al nazismo.
E Monti getta benzina sul fuoco.
Prima di lanciare queste bombe di parole sul popolo, cari miei, cercate di ripulire tutto il vostro apparato elefantiaco e megagalattico. Ripulitelo, questa volta davvero e a proposito, dai Totem inutili dei privilegi e degli sprechi in cui invece vi rotolate come dei perfetti porci nel letame.
Perché sempre di più pensiamo che voi siate l’antipopolo, per non scomodare la parola “anticristo”.
E perché sempre di più, noi, vi vediamo, davvero, come gli unici e veri totem contro la civiltà, da abbattere.

IL CRONISTA
I talebani occidentali e il Serv. San. Naz.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a I talebani occidentali e il Serv. San. Naz.

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    I terroristi dovrebbero andare in galera.

  2. Maria GRAZIA scrive:

    Se si deve abbattere certi totem,per quale motivo,nn farlo sui dipendenti pubblici,partendo dai dirigenti,ospedalieri,assl comuni,ministeri,dalle scuole. Un primario di neurologia un gran signore,un giorno disse. tutti negli anni 70 hanno approfittato, della sanità,medici baroni gente comune,e tu giovane medico,che volevi far capire che cosi nn andava bene,eri messo in disparte. Adeso dobbiamo pagare noi gli sbagli di altri? Grande Sordi nel film il medico della mutua

  3. IL CRONISTA scrive:

    Gert, sintetico ma centrato 🙂

  4. IL CRONISTA scrive:

    Maria Grazia, i totem da abbattere, per loro, sono solo quelli riferiti ai diritti conquistati in millenni di civiltà dai cittadini. I loro privilegi, i loro sprechi, le loro ruberie, i loro magnamagna,sono sacrosanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*