Lo spread è sceso e Kate aspetta!


Ieri abbiamo visto, dopo tanto tempo, finalmente scendere lo spread sotto i 300 punti.
Che bello! Come siamo contenti!
Abbiamo ascoltato anche un Monti che con grande soddisfazione malcelata dichiarava che il suo obbiettivo è portarlo a 287 punti. Noi ignoranti di queste cose ci siamo chiesti come mai non a 286 o a 288. Ma queste sono finezze che non possiamo capire. Sono cose da professori.
Quindi va tutto bene!
Disoccupazione ai massimi livelli, recessione, cittadini fatti fuori dalla società con riforme ad hoc perché non fanno quadrare i conti, aziende che chiudono, aziende che mettono in cassa integrazione migliaia di dipendenti, decine di migliaia di altri licenziamenti sono previsti per i prossimi mesi… previste dal ministero degli interni anche sommosse popolari…
Previsto per dicembre un forte calo degli acquisti con relativo ulteriore danno per i commercianti…
Ma i conti cominciano a quadrare, e quando saremo al fatidico e misterioso 287 evocato da Monti, tutto sarà stato risolto.
Questo mi evoca un’immagine: una fustella che – al pesante colpo di una pressa – trancia braccia, gambe, teste o piedi alla rinfusa per gettarle via tra le frattaglie inutilizzabili.
Insomma Monti consegna un bel prodotto all’Europa: tutta carne e polpa.
Le frattaglie ai cani e ai porci.
Da questo punto di vista le cose vanno così tanto bene che, pare, l’associazione reduci del parlamento del Veneto (coloro che non fanno più politica da anni, riuniti in un’associazione di reduci, appunto) abbia chiesto dei soldi per poter portare avanti, agevolmente, l’attività dell’associazione stessa.. E pare che gli stessi, o loro simili (non ho capito bene), abbiano chiesto anche un aumento del loro sudato vitalizio..
Ma sìììì! E vaiiii! Tanto lo spread tra un po’ sarà a 287!!!
Ma tutto questo è niente, in sovrappiù c’è anche la bellissima notizia, data senza sosta dai tg, che Kate finalmente avrà un bambino, forse addirittura due..
Che bello!
Come siamo contenti!

IL CRONISTA
Lo spread è sceso e Kate aspetta!

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a Lo spread è sceso e Kate aspetta!

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Già, effetttivamente il massacro dei diritti degli italiani, accompagnato dal suicidio di qulche lavoratore (ma pochi, meno che in Grecia) ha portato lo spread a buoni livelli. A fronte dei pochissimi costi, abbiamo quasi raggiunto l’obiettivo. Ecco ad oggi 4/12 ore 13.00, i tassi del decennali statali dei nostri competitors:
    – Giappone 0,71%
    – Germania 1,41%
    – USA 1,64%
    – Canada 1,70%
    – Inghilterra 1,84%
    – Francia 2,05%
    L’Italia paga il 4,42%. Spread a 302. Peccato, ancora qualche suicidio e avremmo reggiunto l’obiettivo di pagare il 4,28%.
    Ma ci rendiamo conto di quanto è scellerato quest’uomo?

    Ce n’è un altro che è a metà strada tra il nefasto ed il ridicolo: quel pacioccone di Bersani che vuole buttare dalla finestra 100 milioni di euro – chissenefrega tanto sono degli italiani mica del PD – per una inutile doppia tornata elettorale e si appresta a governarci (Dio ce ne scampi!):

    http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=172261

    e, tanto per ridere:

    http://finanza.tiscali.it/news/dettaglio_news.asp?id=201103031610001421&chkAgenzie=PMFNW&tipoNews=

    Infine sul nascituro della reale coppia: tanti auguri, che nasca sano e bello. Solo che a me dei reali di Inghilterra non me ne frega un tubo da quando hanno cominciato a rompere i maroni tutti i giorni dal fidanzamento di Carlo e Diana.
    E ultimamente hanno raggiunto il parossismo. Per dirla in volgare, ci storpiano la minchia quotidianamente raccontandoci ogni loro piccola loro azione quotidiana per poi far finta di meravigliarsi se il Berlusca pubblica le ridicole tettine di una loro componente che “casualmente” stava al balcone nuda. Ma che vadano a cagare.

  2. IL CRONISTA scrive:

    Caro Gert, quando leggo i tuoi commenti mi consolo perché capisco che non sono il solo ad essere arrabbiato contro questo sistema. E considerato che con qualche buona probabilità noi non siamo pazzi c’è da scommettere che moltissimi altri come noi hanno questo stesso sentimento di rabbia.
    Per quanto riguarda i cosiddetti reali del mondo a me avevano già rotto le palle quando, da ragazzo, mi facevano già le pippe con le avventure matrimoniali di Caroline di Monaco. Già allora pensavo che certa gente non riesce a vivere una vita semplicemente dignitosa pur essendo pagati profumatamente solo per non fare un cazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*