Il cavaliere alla riscossa


“Tutti i miei mi chiedono di ritornare!”
Con queste parole Berlusconi annuncia quella che sembrerebbe la sua probabile ridiscesa in campo.
Aggiunge, togliendosi tutti i sassolini dalle scarpe in una sola volta, che la situazione è molto più grave di quella che lui ha lasciato un anno fa quando si è fatto da parte per un forte senso di responsabilità, che le famiglie non riescono più ad andare avanti pressate come sono da tasse Imu compresa, che ci sono un milione di disoccupati in più, che il mercato dell’auto è in forte calo, che il debito aumenta, che siamo ormai sull’orlo del baratro etc etc e così via.
Niente da aggiungere alle parole di Berlusconi sulla situazione italiana.
Questa è anche la visione di molti Italiani che non comprendono come, per sistemare i conti, si debbano ammazzare i cittadini.
Soltanto il prof. Monti, i suoi ministri e chi l’ha sostenuto fino ad ora (B. compreso) possono avere una visione così distorta della società.
Resta da vedere come si svilupperà questa situazione di guerra ormai dichiarata; come si potrà medicare il patto di non belligeranza che finora c’era stato tra Monti e Berlusconi in quanto tutt’e due avevano fatto, fin qui, dichiarazioni di stima l’uno dell’altro, seppur a denti stretti.
Ed è di questi minuti la notizia dell’astensione del Pdl dal voto sul decreto dello sviluppo del governo e l’annuncio da parte di Gasparri di ulteriori astensioni da parte del gruppo.
La dichiarazione di guerra è stata consegnata, il resto è tutto da vedere.
Lo vedremo nelle prossime ore.

IL CRONISTA
Il cavaliere alla riscossa

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

11 risposte a Il cavaliere alla riscossa

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Se tornasse Berlusconi si tornerebbe a parlere tutti i giorni di televisioni, toghe rosse e puttane.
    Non se ne può più. Basta!

  2. IL CRONISTA scrive:

    Rovesciare il tavolo gli serve a poco. E’ solo un moto di orgoglio. Non avrà più il consenso di prima per governare. Si ringalluzzeranno soltanto alcuni dei suoi fedelissimi che sperano che gli tolga l’Imu etc. Ma dei problemi dei lavoratori se ne sbatteranno come sempre. Lui per primo.

  3. Massimo scrive:

    Silvio forever ! 🙂

  4. Gert dal Pozzo scrive:

    “Silvio forever ! :-)”

    Beh… effettivamente anche io preferisco le olgettine alla Fornero.

  5. IL CRONISTA scrive:

    Gert, non essere così caustico nei confronti dell’amico Massimo.. Ciao Massimo.. ;-))

  6. Gert dal Pozzo scrive:

    Ma dai, quale caustico… non si capisce che stavo solo scherzando?

    Massimo non lo conosco di persona, ma ormai lo considero un amico anch’io.

  7. IL CRONISTA scrive:

    Sì, scherzavo anch’io e qui siamo tutti amici seppur con le nostre idee. Massimo ha la particolarità di lasciare un solo commento e non ripassare sulla discussione:-)

  8. Ciro scrive:

    ennesimo harakiri del centrodestra. Berlusconi non prenderà molti più voti di Alfano, anzi rischia di dividerlo ulteriormente.
    Dall’altra parte invece molta gente, renziani inclusi, voteranno Bersani turandosi il naso perché tornerà la minaccia del solito nemico pubblico numero 1.

    Insomma alla fine ci guadagnerà solo Bersani.

  9. Massimo scrive:

    Ripasso. Di solito non commento una seconda volta per rispetto nei confronti di chi ospita, titolare del blog. Grazie per l’amicizia che ricambio 🙂

  10. IL CRONISTA scrive:

    Ciao Ciro, può essere come dici, ma può essere anche che invece si riprenda qualche voto di chi non vuole Monti e dimentica che Berlusconi aveva iniziato a provare a fare il lavoro sporco già lui, senza naturalmente riuscirci, a causa dell’opposizione.

  11. Gert dal Pozzo scrive:

    A parte il fatto che io non ci azzecco mai, non lo so se ci guadagnerà solo Bersani…
    La mia speranza è che i renziani possano considerare il Berlusca talmente debole da votarlo in modo da indebolire Bersani. In questo modo il governo durerebbe il meno possibile e loro potrebbero tornere alla carica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*