Continua l’endorsement Pd per Berlusconi

omosessuali-sanremo
(L’Articolo si può asoltare in video su YouTube).
Ne parlavamo ancora fino a ieri in questo post, e ieri sera, di nuovo, come sempre, l’inevitabile endorsement del Pd per Berlusconi c’è stato.
Fazio, ineffabile sacerdote della sx, nella prima serata della sua conduzione del Festival di Sanremo, non ha saputo, nonostante i falsi richiami alla par condicio, resistere a quella che considera la sua missione: far progredire l’umanità secondo il suo opportunistico modo di vedere.
Infatti spunta un Crozza attesissimo che pensa di provocare il pubblico iniziando la sua performance imitando un Berlusconi in chiave varietà. Ora, pur essendo chiaro che poi avrebbe imitato anche gli altri personaggi della politica – considerato che Berlusconi aveva detto che il Festival di Sanremo sarebbe stato trasformato in una Festa dell’Unità – iniziando proprio e sfacciatamente con la sua imitazione ha proprio sbagliato i tempi e i modi. Insomma è stata una provocazione voluta.
Non voluta allo stesso modo la reazione del pubblico che, non in due o tre come è stato detto, ma in parecchi, hanno contestato il prevedibile show del comico costringendo il Fazio a entrare in scena per incoraggiarlo a continuare affrettandosi a chiarire che prima di contestare era meglio vedere tutta la performance.
Aggiungo io che, per le centinaia di migliaia di euro che ci è costata quest’esibizione, pur apprezzando il comico, devo dire che avrebbe potuto sprecarsi un po’ di più e studiare qualcosa di nuovo che non fossero gli stessi sketch che ci propone settimanalmente a Ballarò.
Altro momento clou di sinistra della prima serata di Sanremo è stato lo spettacolino offerto da due omosessuali che hanno raccontato la loro storia, bella, di come si sono conosciuti e come dopo undici anni hanno deciso di sposarsi ma per farlo devono andare a New York visto che in Italia è ancora impossibile farlo.
E allora capisci che quelli con cultura e tradizione di destra, che continuano a sognare il matrimonio con un uomo e una donna, bellissima e raggiante in quel giorno unico, pagano il canone alla Rai, che lo devolve all’ineffabile sacerdote della sinistra e ai suoi soci che si sono ripromessi di ripulire il mondo dalla vecchia e antica concezione.
E mi viene da chiedere, ma così, senza polemica: ma se la storia di quei due fosse proseguita con una semplice e comunissima storia di quelli che, una volta, erano considerati *”solo”* amici per la pelle, senza per questo avere il desiderio di avere dei rapporti omosessuali, sarebbe stata poi così brutta? Così incompleta?
Di là da questo, che ognuno faccia quello che vuole, nel proprio letto.
Diverse concezioni dell’amicizia e dell’amore.
Ma tutto questo, come dicevo nel titolo, è un endorsement della sinistra al Pdl e a Berlusconi che ad oggi lo rappresenta.
Per questo mi sono tirato fuori da questi teatrini inconcludenti che danneggiano un po’ per uno, sia gli uni, che gli altri, senza che peraltro, questi, se ne rendano conto.

IL CRONISTA
Continua endorsement Pd per Berlusconi
(Negli eventuali commenti risparmiate la mia famiglia, grazie)

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a Continua l’endorsement Pd per Berlusconi

  1. Maria GRAZIA scrive:

    La coppia di amici gay che conosciamo,si sono sempre dissociati,da tutto questo,matrimonio,adozioni,.Vogliono solo vivere la loro vite,per loro il resto non conta.La parodia di Crozza,doveva cominciare prima con Bersani,o Vendola.Fazio,non doveva permettersi di dire a uno del pubblico,se non le stava bene di uscire.Le persone pagando il biglietto,han pagato il suo essere su quel palco.. E noi ccon il canone

  2. IL CRONISTA scrive:

    Anch’io ho una carissima amica omosessuale (mia ex collega per 15 anni) che non pensa a queste cose: Queste cose sono spesso propaganda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*