Le mie motivazioni per il voto del 24/25 Febbraio, in breve.

festa-regione-lazio
(L’articolo si può ascoltare in video su YouTube).
A volte me le strappano di bocca… e allora mi tocca rispondere per metterli di fronte alla loro responsabilità. Infatti stamane mi è capitato di leggere un post nel quale si faceva l’ultimo accorato ammonimento prima del voto prossimo agli elettori: “Grillo resta comunista, poche storie” e quindi, secondo l’autore si deve evitare di votarlo per non buttare via il voto. Qui il post.

“Hai proprio ragione, meglio non buttarlo dandolo a cittadini come noi, meglio continuare a darlo a quelli di sempre che hanno portato la gloriosa Italia di Cesare, di Dante, del Rinascimento etc etc etc etc in queste condizioni di Paese ultimo in tutte le classifiche di civiltà (giustizia, sanità, qualità della vita) del mondo insieme al Ghana e a pochi altri. E questo soltanto a beneficio di pochi/troppi papponi che non si sono fatti nessuno scrupolo di mandare mezza Italia sull’orlo della povertà o prorio nella povertà con tutti i piedi.
Sì, bravo! Fai bene! Continua a votare per Berlusconi, o chi per esso, o per quelli che adesso se ne dissociano per finta perché finché nessuno scopriva gli scandali e le spese becere fatte coi soldi rubati ai pensionati se ne stavano lì tranquilli. peccato che Fede poi forse non ha più messo sù il suo partito, o forse sì? Oppure vota pure per quegli altri dall’altra parte politica che comunque mangiano tutti loro, pur sempre, nello stesso piatto.
E Buon pro vi faccia”.

Fermo restando che sono ben conscio che, naturalmente, dopo il voto, non sarà facile per il M5S, ma spero anche che sia meno facile la vita anche per i mangiapane a tradimento. E io potrei anche pensare di trovare qualcosa di più consono a me (al momento non ancora esistente), qualcosa che preveda una proposta di legge per legalizzare la pena di morte in pubblica piazza tramite l’uso della ghigliottina per i traditori del popolo e solo per loro, perché altrimenti sono contrario alla pena di morte.

IL CRONISTA
Le mie motivazioni per il voto del 24/25 Febbraio, in breve.

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

2 risposte a Le mie motivazioni per il voto del 24/25 Febbraio, in breve.

  1. Carmen scrive:

    Non potrei essere più daccordo con te. L’M5S forse non è esattamente quello che vorrei però meglio che continuare a mantenere parassiti politici a vita. Spero che facciano un tonfo da sentire il botto dal piemnonte e alla peggio che i grillini in parlamente facciano gli interessi della gente normale e mai più di chi, fino ad oggi ha mangiato alle spalle degli altri. E troppi ancora continueranno a farlo, purtroppo.

  2. IL CRONISTA scrive:

    e sarà dura perchè avranno tutti contro peggio per come è stato con Berlusconi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*