The Economist preferisce Gargamella

economist-clowns-gargamella
(L’articolo si può ascoltare in video su YouTube).
The Economist se n’è uscita ieri a Londra, e oggi nel resto del mondo, con una copertina dedicata alle elezioni appena svoltesi in Italia. Come spesso accade però non è molto cortese nei confronti degli elettori italiani, in particolare quando questi non sono d’accordo col modo di vedere dei padroni della rivista. Eppure ci vorrebbe così poco a farli felici. Basterebbe farsi rendere simpatici tutti i leader falliti della politica di sinistra, da Prodi a Veltroni a Bersani e il gioco sarebbe presto fatto, potremmo evitarci di farci confezionare copertine ridicolizzanti quale “Send in the clowns” (Entrino i clown) come quella nelle edicole di tutto il mondo oggi con le immagini di Beppe Grillo e di Silvio Berlusconi.
Evidentemente loro preferiscono i Gargamella posizionati ad angolo retto (90°) nei confronti di chi, in Italia e in Europa, ci sta spolpando.
Pare che la cosa piaccia a molti, a quanto pare.

IL CRONISTA
The Economist preferisce Gargamella

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

7 risposte a The Economist preferisce Gargamella

  1. Marshall scrive:

    A proposito ti invierò alcune vignette.

  2. Gert dal Pozzo scrive:

    Gli inglesi sono sempre stati più spocchiosi dei tedeschi e francesi messi insieme. Nei nostri confronti se lo possono permettere, tanto non succede niente.
    Infatti, d’altra parte, gli italiani non hanno mai avuto un minimo di orgoglio nazionale (ricordiamoci il detto “franza o spagna purchè se magna!”).

    Per uscire da questa situazione e cominciare a pensare di prenderci delle rivincite la prima cosa da fere è mandare affa tutta la nostra classe dirigente inutile dannosa e corrotta. Questo processo è già iniziato da una settimana, ma per completarlo ci vorrà almeno una generazione. Nel frattempo accumuliamo rabbia che faremo esplodere al momento opportuno.
    Non bisogna credere in “più Europa”, ma in “più Italia (però seria)”.

  3. Marshall scrive:

    Visto la nuova proposta shock di Grillo? Parlamento on-line, che io avevo già immaginato nel lontano aprile 2006. E siamo solo all’inizio, già perchè a cosa servono 1000 parlamentari, solo a farci essere meno competitivi sui mercati internazionali a causa degli alti costi della nostra politica ufficiale??? http://ecopolfinanza.blogspot.it/search?q=virtuali

  4. IL CRONISTA scrive:

    Ciao Marshall, arrivata mail ma nn si aprrono immagini

  5. IL CRONISTA scrive:

    Parlamento online?…… Mah! Vedremo…

  6. IL CRONISTA scrive:

    Gert, Per intanto Nostri 8,5mln di voti hanno mandato a casa Fini Bocchino Storace Crosetto di Pietro Marini Ingroia Favia etc etc. Come partenza nn è male;)

  7. Marshall scrive:

    Ho riprovato da altra mail. Se si aprono, te ne mando altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*