L’odio per Berlusconi non vi renda barbari

berlusconi-mubarak
(L’articolo si può ascoltare in video su YouTube).
L’argomento è importante, per questo proseguiamo a parlarne dopo averlo già fatto ieri in questo post.
Come sapete questo blog ha abbandonato il centro-destra italiano da molto tempo e, completamente, almeno, dall’epoca del referendum imposto da Marchionne ai dipendenti Fiat appoggiato da Berlusconi e i suoi ministri, in particolare il ministro del welfare dell’epoca, Sacconi, che ha aperto la strada alla Fornero cominciando a parlare della possibilità di eliminare l’Art. 18 dello statuto dei lavoratori.
Quindi quello che scrivo non vuole essere assolutamente un endorsement nei confronti di B. Anzi! Se c’è qualcuno che gli dà addosso ebbene, quello, sono io, anche perché colpito in prima persona da un suo provvedimento del 30 luglio 2010 che mi ha spostato la finestra della pensione di un anno quando ormai ero già stato messo fuori dal lavoro (15gg prima) a causa della “vicinanza” dell’età pensionabile…
Ed eccoci al problema. Berlusconi, ormai lo sappiamo in molti, è quello che è: puttaniere, barzellettiere anche quando non richiesto, amici che parlano con l’accento siciliano (e questo è grave!..), furbo imprenditore con qualche pelo sullo stomaco, furbo e disonesto (forse) politico che cerca di fare cadere le maggioranze degli altri e cerca anche di mantenere in vita le sue maggioranze, etc, etc… Ok! Benissimo! Anzi, malissimo!
Ma ora ditemi, sinceramente, nel panorama politico italiano che in molti stiamo cercando di combattere, forse lui è il caso più eclatante perchè posto al centro dell’attenzione da certa magistratura in quanto leader del centro-destra, ma non credo sia il più sporco, e fatti che ci dicono che la politica italiana sia stata e sia tutta o quasi così ne abbiamo giornalmente, risparmiatemi l’elenco, ma tanto per fare solo qualche nome: Fiorito, Lusi, Belsito, Bossi, Trota, Rutelli, Mancini, qualcuno parla di operazioni poco chiare di Napolitano, e poi Penati, Bersani (segretaria regione che lavora per lui), Mps, Greganti, Russo Iervolino, Bassolino, Di Pietro, Mastella, Casini-Caltagirone, Fini-Montecarlo, Di Girolamo, addirittura e niente popodimenoche Grillo col suo complesso residenziale (peraltro inesistente) in Costarica etc, etc, etc..  E sia chiaro che questi sono solo i primi nomi che mi vengono in mente. Sia altrettanto chiaro che io non li accuso di niente, semmai sono i media nazionali che, a convenienza, accendono il faro su uno o sull’altro caso. Senza parlare di tutti i mercati delle vacche in parlamento che ci sono sempre stati e non li ha, nel caso, certamente inaugurati Berlusconi.
Ora, arriviamo al dunque. Nel titolo vi consigliavo di cercare di vedere le cose senza la cecità portata dall’odio – anche e soprattutto fazioso – nei confronti del personaggio Berlusconi, e quindi considerare che è la classe politica tutta a meritare disprezzo come finalmente sta iniziando ad accadere, e che i magistrati politicizzati ed estremamente faziosi, invece, lo trattino come un Mubarak, un Saddam, un Gheddafi, quindi come un dittatore nordafricano, è veramente degno di un Paese di barbari. E quando vi dicono che la colpa dello spread alto è dei lavoratori e dei pensionati, nonché delle madri di famiglia o dei loro figli disoccupati, non credetegli: la colpa è delle classe politica inetta da gettare nell’immondizia in toto, insieme alla casta della magistratura, egocentrica e disinteressata ai processi dei comuni mortali.

IL CRONISTA
L’odio per Berlusconi non vi renda barbari

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a L’odio per Berlusconi non vi renda barbari

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Le Caste. Il più pulito ha la rogna.

    Non mi sento di parteggiare per l’uno o per l’altro, vorrei che si demolissero a vicenda.

  2. IL CRONISTA scrive:

    Infatti, ma la lotta dei magistrati ai mezzi che Berlusconi utilizza come qualsiasi altro imputato, visto che questi sono stati messi a disposizione proprio dalla legge a tutela perlopiù dei disonesti, sa di inquisizione ad personam 🙂

  3. Maurizio scrive:

    Siete sottoprodotti. Surrogati. Al peggio utili idioti. Vi meritate che un PM usi il vostro deretano come la sua 19 buca del golf. Per poi, a lavoro concluso, andarsene in ferie. Buon pro vi faccia.

  4. DANILO scrive:

    Il motivo per il quale odio berlusconi, è perchè nessuno come e prima di lui è stato tanto abile nel far emergere il peggio del peggio degli Italiani. Non solo, ma i suoi indubiotabili successi economici e sociali, hanno indotto moltissimi, soprattutto giovani, a credere che quel modello di comportamento sia la strada maestra per essere vincenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*