Marò, la più grande figura di M della storia

maro
(L’articolo si può ascoltare su YouTube).
Quando il governo italiano aveva deciso di trattenere i due marò in Italia, vi dico la verità, mi ero ancora un po’ vergognato di essere italiano, più di quanto non lo fossi mai stato prima.
L’unica soluzione trovata da quei geniacci dei nostri governanti per risolvere la questione era stata quella di non mantenere la parola data all’India che i marò sarebbero stati rispediti.
Quindi non alta diplomazia, non politiche raffinate, non savoir fair, non servizi segreti.. No! Solo la classica soluzione all’italiana: mancare alla parola data.
Ma l’India, a prescindere da chi abbia ragione sul dove debbano essere processati i marò, ha capito con chi ha a che fare e se li sta giocando, i nostri governanti, come un gatto fa col topolino, tanto che con solo un paio di dichiarazioni rilasciate alla stampa e impedendo secondo me legittimamente al nostro ambasciatore che aveva garantito per il rientro in India dei marò, di lasciare il loro Paese, ha fatto sì che Monti e Terzi se la facessero nei pantaloni e rispedissero indietro gli stessi marò.
E poi vi meravigliate di vedere l’Italia ultima nelle classifiche di civiltà tra le nazioni?
E poi vi meravigliate che all’estero ci dicano “Italia? Pizza, mafia e mandolino!”?

Ora, non pretendo che il mio Paese andasse a riprendersi i marò con un blitz come quelli che ti fanno gli Americani, gli Israeliani e qualsiasi altro Paese che ha un po’ di “cosiddetti”, ma quello di mancare la parola data coinvolgendo ancora un po’ la credibilità di tutti noi e mettendo a rischio anche la persona del nostro ambasciatore che probabilmente in buona fede aveva dato anche la sua garanzia, mi sembra davvero schifoso.
L’unica cosa buona di questa triste storia è che ormai tutti, ma proprio tutti, compresi giornalisti fino a ieri insospettabili, considerano Monti una macchietta, un buffone, un pagliaccio, insieme ai suoi amici e amiche che si è portato al governo. Noi ve lo avevamo detto subito cosa fosse quel tipo… Ma non ha neppure la dignità di restituire la carica di senatore a vita, da pappone qual è.

IL CRONISTA
Marò, la più grande figura di M della storia

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

3 risposte a Marò, la più grande figura di M della storia

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Mi riconosco in tutto quello che hai detto.

    Aggiungerei solo che nessuno dei politici importanti ha detto una parola a proposito di questa vicenda e che sia l’Europa sia gli USA e sia l’ONU, su mandato del quale agivano i nostri militari, sin dal primo momento si sono defilati.
    Probabilmente hanno ragione Grillo, IDV e comunisti vari quando dicono di ritirare le nostre missioni all’estero (e io sono sempre stato in disaccordo, pensavo che il diritto e la solidarietà esistessero, sono proprio un pirla).

    Tutto il mio affetto e stima ai due marinai.

  2. IL CRONISTA scrive:

    I polici nostrani hanno cercato di tenersi abbastanza fuori da questa vicenda per nn compromettersi oltre. Anchìio ero per mantenere missioni all’estero, ma da quando ho visto come Usa e Sarko fanno i caxxi che vogliono eliminando chi vogliono e anche impiccandoli con processi sommari mi sono ricreduto.

  3. IL CRONISTA scrive:

    Aggiungo… impiccandoli o facendoli ammazzare da gruppi di selvaggi aizzati da loro ed anche facendoli prima violentare come pare sia avvenuto per Gheddafi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*