Tg4 senza Fede, ma tutta Mediaset con più fede

fede-scalfari
(L’articolo si può ascoltare su YouTube).
Sono sicuro che vi siate tutti accorti di quanto faccia più schifo di prima l’informazione di Mediaset. L’unico momento in cui ha cercato di essere un’informazione obiettiva è stato il breve periodo in cui Berlusconi pareva aver mollato la politica per dedicarsi (a detta sua) al suo interesse principale da privato cittadino benestante: la realizzazione di ospedali in Africa o qualcosa del genere. Questo fino a quando non è stato condannato per la vicenda Unipol perchè aveva pubblicato sul suo giornale una registrazione telefonica di Fassino che, tutti ricordiamo, chiedeva con un certo entusiasmo a Consorte: “Allora abbiamo una banca!!!?”. Quindi, visto che i magistrati hanno lasciato perdere, evidentemente, la storia in sè – ovvero che Fassino e il Pd trafficavano in traffici strani e con personaggi ambigui per entrare nel controllo dell’Unipol (vedi in proposito altra bellissima storia del Mps) preferendo prendersela con chi ha divulgato la notizia e condannandolo dimostrando la famosa tesi “due pesi due misure” – Berlusconi ha pensato bene di non mettersi più da parte, se tanto non era servito ad ammorbidire i giudici contro di lui, e di, invece, punire l’Italia per questa sua” mancanza di sensibilità” nei suoi confronti, facendo la sua seconda discesa in campo.

Da allora e contemporaneamente Mediaset e Berlusconi furono e sono una cosa sola. Infatti non c’è intervento del leader che non sia riprodotto in versione integrale su tutte le edizioni di tutti i tg giorno e notte, 24 ore su 24, come non c’è punzecchiatura e denigrazione agli avversari politici che sia risparmiata tale e quale in tutte le ore del giorno perchè registrata, in tutti i loro tg, falsi tg, doppioni l’uno dell’altro.

Prima questo compito servile era svolto solo da Emilio Fede col suo tg4, e il buon Silvio da Arcore ogni tanto raccontava di rimproverarlo bonariamente per questa sua ruffianeria, ora che non c’è più Fede il suo compito da cagnolino scodinzolante è svolto più che egregiamente e senza più veli da tutti gli altri cosiddetti giornalisti dell’intera Mediaset. Evidentemente deve essere scattato qualche lauto aumento di stipendi a fronte di…

Ma non si può certo dire che dall’altra parte si sia messi molto meglio, anzi! Basti solo pensare al polo opposto a Mediaset in quanto a servilismo, Repubblica, per esempio, che nonostante non abbiano personaggi alla Fede, ne hanno si può dire di peggiori, perchè non basta avere i capelli e la barba curatissima di un bianco candido tipo saggio (tanto di moda attualmente) e occhialini da intellettuale (sempre di moda tra certi sinistri personaggi che anelano alla patente da intellettuale di sx) per non essere, dentro, tali e quali a Fede. Per chi non avesse capito, difficile, sto parlando di Scalfari che, ripeto, nulla ha da invidiare a un Emilio Fede.

IL CRONISTA
Tg4 senza Fede, ma tutta Mediaset con più fede

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*