1° maggio, si festeggia l’olocausto dei lavoratori

primo-maggio
In occasione della festa del 1° maggio che ormai è soltanto una mera festa inutile dei comizi dei sindacati che invece avrebberro dovuto pretendere la testa della Fornero immediatamente ai primi segnali, vi linko alcuni post di questo blog su come sono trattati i lavoratori in Italia:

L’Olocausto dei lavoratori
Il famigerato Dr Polillo. Come Mengele?
Fornero: ridurre stipendi dai 50 anni
Fornero: riduz. stipendi 50enni (2)
– Dai diritti acquisiti ai diritti scippati

IL CRONISTA
1° maggio, si festeggia l’olocausto dei lavoratori

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

6 risposte a 1° maggio, si festeggia l’olocausto dei lavoratori

  1. Maria GRAZIA scrive:

    QUALI DIRITTI,PAROLE AL VENTO LA FORNERO,LA STUPIDITA’ FATTA DONNA,IL SUO STIPENDIO NON SE LO E’ MAI DIMINUITO,QUESTA BALDRACCA.I SINDACATI? QUI DA NOI ANNI FA HANNO FATTO MORIRE L’AUTOBIANCHI E CON ESSA TANTE PICCOLE DITTE.IL CONCERTO DEL 1 MAGGIO,POTEVANO RISPARMIARSELO,QUALCUNO DICA AI CANTANTI,AL POSTO DI ANDARE LI A CANTARE,DI EVOLVERE UNA PARTE DEL LORO CONTO IN BANCA A CHI HA BISOGNO…….

  2. Maria GRAZIA scrive:

    Siamo stati a Roma,per mio figlio,che vuole trovare lavoro la.Ora mi chiedo,per quale motivo,noi Milano e provincia paghiamo il pane + caro che a Roma,da noi la vita è cara e un continuo stress.Cosa abbiamo noi di diverso,da Roma? Tra un po qui ci faranno pagare l’aria che rwspiriamo

  3. IL CRONISTA scrive:

    Ciao M Grazia, La Fornero in combutta con Monti, Napolitano, ABC e sindacati ci hanno fatto il braso, tanto loro sanno sempre come i vivere alle spalle dei lavoratori

  4. luana scrive:

    uffici coop di Bologna hanno trasferito le proprie sedi a Roma senza preavviso ai suoi 120 impiegati e loro hanno chiesto aiuto ai sindacati e … loro hanno risposto che contro la coop estense non si potevano mettere? I sindacati sono un danno x i lavoratori e usano l’ignoranza e la paura!! Sono parte attiva del danno all’Italia che lavora. Mettono i lavoratori contro gli imprenditori come se non fossero tutti sulla stessa barca. Muore l’impresa, muore il lavoro. Non mi si chieda mai cosa penso della Camusso&c. Erano accanto alla Fornero ….

  5. IL CRONISTA scrive:

    Ciao Luana, anch’io ho esperienza diretta negativa coi sindacati, quando si doveva trattare la cifra per il mio prepensionamento, (del quale poi mi è stata spostata la finestra d’uscita quando già ero fuori dal lavoro) ogni sigla ha trattato per i propri iscritti e il rappresentante della mia sigla se n’è fregato perchè aveva dei problemi d’amore personali e andava e veniva dal sud Italia, quindi il mio scivolo è stato inferiore agli altri.
    Ma senza contare questo basti vedere come la triplice ha lasciato fare alla Fornero quello che ha voluto.

  6. luana scrive:

    Ascoltare queste cose mi crea sentimenti di rabbia, rancore, tristezza, paura … la cosa peggiore che tutto questo sistema Italia è questa. Si perde speranza e non si vede futuro. A volte vorrei smettere di pensare e smettere di ascoltare ma capisco che sarebbe solo mettere la testa sotto alla sabbia. La frustrazione è tanta e spero che si trasformi in senso generale di giustizia, cosa che è venuta a mancare completamente. Di tutti, quel senso di fregare il prossimo … forse se un bene finale ci sarà, sarà la ripresa del rispetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*