Quanto è bella la Pax Napolitana

pax-napolitaniana(L’articolo si può ascoltare su YouTube).

Ieri per tutto il giorno i vari tg hanno mandato immagini davvero commoventi… il pit-bul che tiene tra le braccia affettuosamente il bambino appena nato? Il cane che non si rassegna alla morte del padrone e torna ogni giorno al cimitero davanti alla tomba? No! Allora cosa? I figli di quell’uomo che si è bruciato vivo per non lasciare la casa sequestrata per quindicimila euro e che erano disposti a lasciarliela a fronte di sessantamila? La disperazione dei giovani dai quindici ai ventiquattro anni che non solo non trovano lavoro ma che addirittura hanno rinuniato a cercarlo? Gli esodati cinquanta/sessantenni che sono rimasti senza lavoro e senza pensioni a causa della salvatrice dei conti pubblici Fornero (bonanima, pace all’anima sua come ministro)? Fuochino! Sì, c’erano anche quelle notizie… Ma l’immagine più commovente era quella di Franceschini e Quagliarello intenti a fare una dichiarazione congiunta davanti ai microfoni dei tg con relativi gesti affettuosi l’uno nei confronti dell’altro, tipo mano sulla schiena a mo’ di approvazione delle cose dette, che ricorda un po’ la mano del padre sulla schiena della figliola neonata per agevolarne il ruttino.

E allora pensi: “Che bello! Finalmente siamo arrivati ad avere dei politici che si stimano nonostante provengano da schieramenti che si sono sputati in faccia fino a ieri…. E tutto questo per non darla vinta ai cittadini che li hanno puniti dandogli dieci milioni di voti in meno. Questo sì che è buon senso, carattere, altruismo, personalità!”

Ma quanto… è bella… la Pax Napolitana?

IL CRONISTA

Quanto è bella la Pax Napolitana

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare sia presso il circuito Ibs e IBS (formato tascabile), che presso AMAZON (Prime).

Anche in formato eBook Kindle

2 risposte a Quanto è bella la Pax Napolitana

  1. Massimo scrive:

    Tutto sommato meglio la scena che hai descritto che quella che vidi un paio di anni fa di una parlamentare comunista che a “in onda” su La 7 diventò rossa paonazza e cominciò a berciare come una assatanata, devastando i lineamenti del suo volto (tra l’altro carino prima dell’evento) solo perchè era intervenuto in trasmissione, per telefono, quel parlamentare che era passato da Di Pietro al Centro Destra aiutando Berlusconi a conservare la maggioranza parlamentare ferita dal tradimento di Fini.

  2. IL CRONISTA scrive:

    Appunto Massimo! Sembra così strano adesso vederli d’amore e d’accordo fare dichiarazioni congiunte 😉 La paura di dover mollare le poltrone fa miracoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*