Ha vinto l’Italia peggiore? Certo! Ma…

italia-peggiore(L’articolo si può ascoltare su YouTube).

Grillo all’indomani del voto per le comunali in pratica ha detto che ha vinto l’Italia peggiore. Sono d’accordo con lui! Ma L’Italia “migliore”, quella che ha votato M5S alle politiche scorse, quella che gli ha dato il 25% sulla fiducia e sulla base dei suoi comizi/spettacoli elettorali, quella che gli aveva aperto un’autostrada a quattro corsie per fargli fare la Rivoluzione, in buona parte gli ha tolto il libretto degli assegni in bianco. La Rivoluzione vera, quella che in molti volevamo, non è arrivata. Abbiamo visto solo una rivoluzioncina in punta di piedi e coi guanti bianchi e qualche parolaccia di troppo. Cose che i volponi della partitocrazia non fanno nessuna fatica a deglutire con un sorso d’acqua.

Rimane lo zoccolo duro, quello che, disperato, non si vuole arrendere a chi l’ha messo con le spalle al muro e il culo a ponte che adesso pontifica sulla “sconfitta” del M5S attraverso i giornalisti di regime che, passata momentaneamente la tempesta, gioiscono garruli appollaiati sui loro rami dei servi del potere sputando sentenze velenose come degli uccelli del malaugurio che l’hanno scampata bella. Ed è triste vedere come il Paese si stia riadeguando al solito andazzo, prono ai suoi sfruttatori che lavorano, come hanno sempre fatto, per il loro benessere personale e di Casta, a discapito del benessere della società, del quale se ne fottono, se è vero come è vero che la società italiana getta al macero gli anziani lavoratori, i giovani e le madri di famiglia.

IL CRONISTA

Ha vinto l’Italia peggiore? Certo! Ma…

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

7 risposte a Ha vinto l’Italia peggiore? Certo! Ma…

  1. Gert dal Pozzo scrive:

    Io l’avevo già detto che Grillo mi aveva profondamente deluso, e l’esame bambinesco e stizzito del voto che ha fatto ieri sul suo blog dimostra che non riesce a fare la minima autocritica. Questo vuol dire che è irrecuperabile.

    Prima di cominciare a votare robe tipo Alba Dorata aspetto di vedere cosa farà Renzi, che spero sia il prossimo, anche con il mio piccolo contributo. Sarà l’ultima possibilità che darò al Sistema.

    http://www.fanpage.it/la-lettera-dell-ex-grillino-su-fb-beppe-a-fanculo-ora-ti-ci-mando-io/

  2. IL CRONISTA scrive:

    Vade retro Renzi! Piuttosto voto mister Bean che ha espressioni più intelligenti;)

  3. Gert dal Pozzo scrive:

    Vabbè, se è solo per quello allora Fonzie è anche meglio.

    Belin, siamo proprio ridotti male. Ma non si potrebbe clonare e far rivivere “chi dico io”?

  4. Gert dal Pozzo scrive:

    Ora che ci ripenso… nè Mr. Bean nè Fonzie si presentano alle elezioni italiane. E’ vero che prenderebbero una valanga di voti, ma è inutile sperarci. Come cacchio facciamo a votarli?

    Dammi retta, l’unico che rimane è Renzi.

  5. IL CRONISTA scrive:

    Renzi è solo un gran parolaio, un venditoree di fumo, oltre che di saponette. Buona parte dell’insuccesso del Pd è dovuto a lui che fa finta di mettersi da parte ed è sempre lì a fare l’avvoltoio nei confronti dei suoi compagni. A me sta bene così, e solo così.

  6. vergani maurizio scrive:

    Ciao carissimo…..come promesso sono venuto a trovati sul blog.
    Sottoscrivo parola per parola questo post….sai che siamo spesso concordi,…ma questa volta siamo veramente al top..!!!
    Hai ragione quando dici che siano rimasti noi….lo zoccolo duro.Quelli del web.Quelli che vanno sul blog.Quelli che,per assurdo,non hanno bisogno di essere convinti…perche’ convinti lo sono gia’.
    A febbraio abbiamo preso quasi nove milioni di voti
    Credimi Gae….ci sono persone,e ne conosco tante,che hanno votato grillo senza mai essere andate sul blog.
    E sono quelli che abbiamo perso.
    Purtroppo il msg non e’ passato.
    Non sono tra quelli che,alle comunali,fa i conti con i risultati del 2008.
    A Roma per esempio,faccio i conti con il voto di febbraio.E i risultati sono impietosi.
    Ora,secondo me,la scelta e’se,rimanere a “farci le seghe”tra di noi…(perdonami il termine..ma so che non ti formalizzi)
    e rimanere al 10-12%…che e’ la nostra vera dimensione in rete….oppure,come sostenevo su twitter lunedi’ sera,”aprire” anche ai rincoglioniti dei talk show.
    Il nostro obiettivo e’ da sempre mandarli a casa tutti.Il nostro obiettivo e’ da sempre governare da soli,senza alleanze.Bene.Ma per fare questo o si sovverte la democrazia…oppure si va a lottare per pigliarsi ogni cazzo di singolo voto.Il nostro voto informato e strapensato vale come quello di tanti rincoglioniti che se ne stanno a casa a guardarsi pomeriggio 5.Vale come quello della famosa casalinga di Voghera.Non ho le conoscenze ne’ le capacita’ per capire come farlo….ma qualcosa bisogna rivedere nelle strategie comunicative.Sono sicuro che lo sa anche Beppe…ed io continuo ad avere fiducia in lui.
    Perdonami lo sfogo…un abbraccio.
    Il populista

  7. IL CRONISTA scrive:

    Caro Maurizio ti ringrazio per lo sfogo che peraltro è bellissimo. Quando parlo dello zoccolo duro non parlo necessariamente di me stesso, se appartengo a uno zoccolo duro è quello di chi vuole cambiare le cose e sono salito sul treno M5S perchè mi porti a quella destinazione che è la mia destinazione e non se l’è inventata m5S, come giustamente dici anche tu. Se quel treno si ferma però io continuo il mio viaggio da solo, libero, come sempre.
    Infatti, per questo motivo, come sai, il post successivo a questo prospetta altre soluzioni che non è detto che io condivida o no, ma le prospetto soltanto.
    Grazie Maurizio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*