Quale la civiltà e quale la barbarie?

Costume_Senatore_Romano(L’articolo si può ascoltare su YouTube).

Questa mattina mi sono svegliato pensando alla civiltà occidentale e ai vari Paesi che ormai sempre di più tendono ad ispirarsi ad essa. Grande cultura, perché no! Grande storia e grandi tradizioni, grande arte e grandi poeti. Alta tecnologia, economia mondiale… bolle di ricchezza costruita con acqua saponata costituita dal sudore degli sfruttati. Già! Così è in occidente, così come nelle culture orientali.

La differenza tra loro e noi è che noi ogni tanto andiamo a fare le crociate per civilizzarli e poi ci lamentiamo se alcuni di loro, invece di lasciarsi “civilizzare” si ribellano e pretendano invece di “ridurci” alla loro cultura, alle loro tradizioni, alle loro religioni, anch’esse importanti, anch’esse millenarie, che non si vede perchè debbano essere considerate da noi barbare, quando i barbari, per loro, siamo noi.

Un esempio di barbarie? Semplice! Come, l’occidente, ha fatto fuori Saddam, non tenendo in minima considerazione la storia e la cultura di quei popoli? Braccandolo come i civili Inglesi braccano le povere volpi nate in quella terra, e poi impiccandolo a una corda dopo avergli controllato i denti come si fa per un cavallo, davanti alla telecamera dei civili vincitori occidentali. Come, l’occidente, ha fatto fuori Gheddafi, che poco tempo prima godeva dei baciamano, di trattati e di accordi speciali tra i Paesi, di ospitalità addirittura servile permettendogli di stabilirsi – quando in visita in Italia – nella tenda che si portava dietro ovunque andasse rifiutando le dimore occidentali messegli a disposizione? Braccandolo e facendolo braccare da alcuni  scalmanati che infine l’hanno trovato stanco, e approfittando del suo stato di spossatezza gli hanno tirato un colpo di pistola nel deserto, lì dove l’avevano trovato, dopo – secondo una versione – avergli usato violenza carnale.

Quindi, quale la civiltà e quale la barbarie? Portare i pantaloni, che coprono le gambe una per una (vi immaginate un granchio con tutte le chele coperte una per una?), e aver messo da parte le tuniche che ancora, fortunatamente, molti orientali continuano a indossare, molto più naturalmente, non rende un popolo più civile di un altro, per dire.

La civiltà non si misura a metri.

IL CRONISTA

Quale la civiltà e quale la barbarie?

Il libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza si può acquistare presso AMAZON (Prime).

Amazon Prime
Amazon Prime

Anche in formato eBook Kindle

ebook kindle libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza
ebook kindle libro FILAMENTI E CAMPI di Gaetano Rizza

Precedente Spero che la Ilda almeno abbia goduto Successivo Meriggiare, abbronzato e assorto, presso un rovente muro d'orto

8 commenti su “Quale la civiltà e quale la barbarie?

  1. Gert dal Pozzo il said:

    Belin, oggi sei particolarmente profondo; pensavo anch’io che i granchi dovrebbero andare in giro con la tunica. E le granchie? Pensa, con la minigonna non sarebbero molto ma molto più sexy?

    p.s. Abbasso La Fornero!!! (lo so che non c’entra, ma mi mancava troppo)

  2. Non è questione dei pantaloni dei granchi… la questione è che come i granchi siamo animali ma mentre per loro è normale girare “nature” noi addirittura ci copriamo chela per chela.. Capito il concetto?
    Per quanto riguarda la Fornero siamo d’accordo 🙂

  3. Beh … i fatti dicono che NOI (inteso nel senso della Civiltà Occidentale) abbiamo creato il maggior benessere nella maggiore libertà. Poi possiamo sempre migliorare, il traguardo non si raggiunge mai ed è giusto che si voglia sempre di più. Dobbiamo solo ritrovare lo spirito giusto, evitare di martirizzarci e di incupirci e tornare a navigare in mare aperto, senza buonismi e senza cedere al politicamente corretto.

  4. Gert dal Pozzo il said:

    Mi sembra che anche l’uomo di Neanderthal sia stato soggiogato ed estinto dall’Homo Sapiens.

    Bei tempi…

    Oggi non sarebbe politically correct.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.