A che serve sfiducia Alfano, con tutta partitocrazia sfiduciata?

alfano-sfiduciaDevo ammettere che anch’io speravo nella sfiducia ad Alfano anche se non ci ho mai creduto. Ma a riflettere solo un po’, a che cacchio serve la sfiducia ad Alfano e poi magari a Letta etc etc etc, uno per uno, quando il Paese alle scorse elezioni politiche ha sfiduciato in massa tutta la classe politica partitocratica, togliendole milioni e milioni di voti?

Ormai è solo questione di tempo. La vaccinazione l’abbiamo ricevuta. Dobbiamo fare lavorare il vaccino, si deve solo fortificare, ma ha preso…

IL CRONISTA

A che serve sfiducia Alfano, con tutta partitocrazia sfiduciata?

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a A che serve sfiducia Alfano, con tutta partitocrazia sfiduciata?

  1. Massimo scrive:

    Non è certo il buon Alfano che meriti di essere sfiduciato, bensì l’intero governo. Il problema è che dopo non ci sarebbero le elezioni (che riporterebbero il Centro Destra al governo senza i comunisti 🙂 , ma un governicchio tra i comunisti con spezzoni di altri gruppi, a cominciare dai grillini verso i quali non credo sia finito lo scouting …

  2. altor scrive:

    L’Italia assomiglia sempre di piú agli USA, sia nell’amore che nell’odio. Nell’amore, per il culto delle “personalità” e della “corruzione”. Nell’odio, per e verso le masse e la giustizia. Il vero rammarico sta nel fatto che non siamo i soli ad assomigliarla! La differenza sta nella patina, nel savoir faire che rispettivamente applicano e che sempre piú dimostra il suo logorio nel tempo che sempre piú va accorciandosi; dovuto all’incremento della velocità nelle varie operazioni fisiche e mediatiche.
    Viviamo in un mondo dove la Storia stessa sembra sia cessata di essere, dove i suoi partecipanti non hanno alcun riguardo verso di essa e del futuro, di un futuro che sempre piú si coagula in un presente incapace di trasportare se stesso. Sotto-sotto, siamo tutti uguali, tutti abbiamo un culo … e se c’é puzza intorno, é perché qualcosa va accumulandosi inesorabilmente! @OccupyCoscienza

  3. IL CRONISTA scrive:

    Massimo, probabilmente sì, vincerebbe il cdx, con milioni e milioni di elettori in meno, ma puo darsi. Lo scouting sono convinto anch’io che sotto sotto continui e un governo di Pd e dissidenti del m5s sarebbe legittimare un Pd che ha votato le leggi contro i lavoratori della Fornero. Insieme al Pdl. insomma legittimerebbe la Casta dei lupi mannari.

  4. IL CRONISTA scrive:

    Ciao Altor, bentornato nel blog 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*