O’ giudice: ” O’ sacc’ nun o’ sacc’ ” e pensioni d’oro (Aggiorn. 2)

giudice-deandre

 

IL CRONISTA (sempre senza padroni)
O’ giudice: ” O’ sacc’ nun o’ sacc’ “

Gaetano Rizza
autore del romanzo Nato negli anni Cinquanta

Scegli carrello e il formato (cartaceo o ebook):

Oppure anche nei seguenti store online:
laFeltrinelli
LibreriaUniversitaria
Amazon.it
CreateSpace
Mondadori Store
Ibs.it
HOEPLI.it
Bookrepublic
e in tutte le librerie online, sia nel formato cartaceo che nel formato ebook.

Il libro parla di una vita vissuta tra vicende e vicissitudini dagli anni Cinquanta ad oggi. Inoltre parla dell’incontro dell’Autore con Roberto Vecchioni, dell’incontro con Dori Ghezzi per il patrocinio della Fondazione De André su alcuni concerti tributo organizzati e interpretati dal protagonista del libro, dei concerti stessi, di viaggi in moto in solitaria, di emozioni a 360°.

Vedi il trailer qui

Gaetano Rizza – Facebook
Gaetano Rizza – Libri, Narrativa, Musica, Suggestioni
Gaetano Rizza – Twitter

4 risposte a O’ giudice: ” O’ sacc’ nun o’ sacc’ ” e pensioni d’oro (Aggiorn. 2)

  1. Maria GRAZIA scrive:

    A proposito di sentenza,non è una difesa per Silvietto ha sbagliato paghi.Ma vogliamo,che i giudici,i pm,ora si occupino,ora anche di DE Benedetti che non è mai stato un santo,anzi peggio,famiglia Agnelli,e di quanto ha rubato allo Stato e agli italiani.Dei vertici MPS,della cgl,che continua a far pagare tessera ai pensionati che ha lavorato una vita,e sulla busta paga di soldi ne han lasciato al sindacato..Ma di chi parliamo diuna magistratura,che mette in libertà extra comunitari,che per strada prendono a picconate la gente,tanto sono pazzi.Di drogati e alcolizzati che alla guida di un auto ammazzano la gente? Poveri Borsellino e Falcone,lavoravano in silenzio,e per amore del proprio lavoro

  2. IL CRONISTA scrive:

    La penso esattamente come te, M Grazia

  3. Maria GRAZIA scrive:

    Gli si potevano,perdonare le donne azzi suoi,ma la truffa no,il problema,che non ha fatto quel che doveva fare per il paese

  4. IL CRONISTA scrive:

    Io, da tempo, ho smesso di perdonargli anche le zoccole, comprese quelle che ha portato in parlamento e nei consigli regionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*